Tecnologia

Stazione Spaziale Internazionale: l’equipaggio avrà 3 nuovi membri

Tre nuovi membri dell’equipaggio si lanceranno nella stazione spaziale dopo il fallimento del missile russo avvenuto lo scorso ottobre. Ebbene sì, la Stazione Spaziale Internazionale vanterà tre nuovi residenti, che presto occuperanno il suo ambizioso scenario.

L’astronauta della NASA Anne McClain, l’astronauta canadese David Saint-Jacques e il cosmonauta russo Oleg Kononenkoof si sono lanciati poco fa nell’avamposto orbitante a bordo del razzo russo Soyuz.

Il lancio segna il primo volo con equipaggio della Soyuz dopo il grave fallimento dell’evento accaduto ad ottobre, quando il booster non ha funzionato correttamente, avendo già un astronauta e un cosmonauta a bordo.

Leggi anche: Aurora Station: dormire nello spazio sarà possibile dal 2022 con questo hotel di lusso

Cosa è successo

Fortunatamente l’astronauta e il cosmonauta tornarono sulla Terra in modo sicuro, dopo che il Soyuz aveva provocato l’interruzione, facendoli saltare via dal razzo guasto e permettendo loro di salvarsi la vita.

Ci hanno messo un po’ di tempo prima di dichiararlo, eppure la Russia e la NASA hanno indagato a fondo sulla causa dell’incidente. Di fatto hanno determinato che non ci sarebbero stati ulteriori problemi, soprattutto in riferimento all’imminente lancio di lunedì.

Ebbene, così è stato: per fortuna, avevano ragione e il lancio successivo non ha avuto conseguenze negative.

Se tutto continua ad andare secondo i piani i tre membri dell’equipaggio Anne McClain, David Saint-Jacques e Oleg Kononenkoof dovrebbero arrivare alla stazione spaziale in circa sei ore.

L’incidente di ottobre ha segnato un duro colpo per i russi perché di fatto ha portato davanti all’attenzione di tutti il primo malfunzionamento di Soyuz in decenni durante i quali il sistema spaziale rappresentava un cavallo di battaglia affidabile per il programma spaziale russo.

stazione-spaziale

Leggi anche: Nello spazio rilevate onde gravitazionali associate a luce

Unico veicolo spaziale a razzo

L’evento è stato comunque particolarmente preoccupante considerando il fatto che la Soyuz è attualmente l’unico veicolo spaziale a razzo che può portare gli umani nello spazio adesso, da quando è terminato il programma dello space shuttle nel 2011.

La NASA spera che le innovative soluzioni di SpaceX e Boeing cambieranno questo quadro quando i loro sistemi di lancio spaziale umano saranno finalmente disponibili online nei prossimi anni.

McClain, Saint-Jacques e Kononenkoof dovrebbero vivere e lavorare alla stazione per più di sei mesi, e fare rientro ad estate inoltrata.