People

Veronesi e i segreti indicibili, la moglie rivela: “Mi ha sempre tradita, era un Don Giovanni”

Umberto Veronesi e il mare di segreti (anche scottanti) raccontati per la prima volta dalla moglie Sultana Ranzon. “Umberto preferiva farsi riprendere solo con i suoi sette figli, come se li avesse fatti da solo”. È un’intervista fiume quella che la moglie di Veronesi ha rilasciato a La Repubblica. Dalle parole della donna, sopravvissuta al campo di concentramento di Bergen-Belsen si evince che non deve essere stata facile la vita sempre al fianco del grande oncologo.

“Era l’uomo più intelligente, affascinante e inquietante che io abbia mai conosciuto. Umberto è sempre stato inafferrabile. Fin dal principio della nostra storia”. Una storia d’amore molto tormentata. A causa della “passione totalizzante per il suo lavoro”, racconta, e anche a causa del suo amore per le donne che lo portavano ad avere tante scappatelle.

“Era un irrefrenabile Don Giovanni e la gelosia ha infelicitato la mia esistenza. Lui mi ha sempre rassicurato dicendomi che erano solo scappatelle. Ma non è sempre stato così”. Susy ne rese conto in maniera chiara quando “una mattina dell’89, mentre andavamo nella nostra casa al lago, mi disse con tono serio che da quattro anni aveva un figlio con un’altra donna. Mi sentii gelare e lo guardai sbalordita, pensavo di aver capito male e glielo feci ripetere due volte”.

“A quel punto credetti di morire. Tornati a casa, lo invitai ad andarsene, ma lui mi chiese di restare. Diceva che voleva finire la sua vita con me. E io glielo permisi: i figli avevano ancora bisogno del padre”. E così fu. La moglie di Umberto Veronesi non lo aiutò a morire (“anche se me lo aveva chiesto. Anche se stava male continuavo ad ascoltarlo come un oracolo”), ma raccolse le sue ultime parole…

“Ero china su di lui quando mi sorprese con un soffio di voce: ‘Susy, sei così bella’. Quelle sue ultime parole non mi abbandonano. In fondo tutto il resto non conta”. L’attività clinica e di ricerca di Veronesi è stata incentrata per decenni sulla prevenzione e sulla cura del cancro. In particolare si è occupato del carcinoma mammario, prima causa di morte per tumore nella donna.

In tale ambito è stato il primo teorizzatore e strenuo propositore della quadrantectomia, dimostrando come nella maggioranza dei casi le curve di sopravvivenza di questa tecnica, purché abbinata alla radioterapia, sono le medesime di quelle della mastectomia, ma a impatto estetico e soprattutto psicosessuale migliore. Si è inoltre distinto per la sua lotta in difesa dei diritti degli animali.

 

Ti potrebbe interessare anche: La Russa, il figlio rapper canta: “Sono tutto fatto”. E lui: “Se si droga lo ammazzo”