Interni

Tasse, Salvini nella bufera: “La sua proposta è un regalo agli evasori”

Matteo Salvini ha soluzione alla crisi economica: “Condonare tutto”. Il leader della Lega ha rispolverato il suo vecchio cavallo di battaglia parlando di “condono tombale fiscale” indispensabile per far ripartire il Paese. Un concetto ribadito anche al momento di rifiutare l’incontro con il premier Giuseppe Conte: “Serve? Assolutamente sì. Serve un condono, saldo e stralcio” ha detto a Rtl 102.5 parlando di tagli alle tasse dopo l’emergenza Covid.

erve l’azzeramento totale di tutti i debiti del passato”. Un modo per rispondere ai sondaggi che vogliono il Carroccio in calo e staccato ormai pochi punti dal Partito Democratico, dopo i fasti di un passato che sembra di colpo lontanissimo.”Faccio un esempio – ha detto ancora il leader della Lega – ci sono 8 milioni di cartelle esattoriali pronte a partire dalla Agenzie delle entrate da 100 euro in media, che rischiano di essere la mazzata decisiva per famiglie e imprese”.
Così, ecco tornare la vecchia idea: “Io Stato ti chiedo su 100 euro 20 euro, anche perché l’80 per cento delle cartelle sono tra i mille e 10 mila euro massimo”. Salvini non ha dubbi: “Occorrerebbe il coraggio di intervenire sul piano fiscale, non solo con un taglio delle tasse ma anche con l’azzeramento dei debiti del passato. Servono pace fiscale e azzeramento totale di tutti i debiti del passato”.Al leader del Carroccio ha replicato il capogruppo di Leu alla Camera Federico Fornaro. “Nascondendosi dietro al Covid 19 – ha dichiarato – Salvini oggi ripropone come soluzione dei problemi della nostra economia un bel condono tombale. Condono tombale che rappresenta, da sempre, un premio agli evasori e uno schiaffo a mano aperta per tutti coloro, e sono la larga maggioranza dei contribuenti, che pagano le tasse fino all’ultimo euro. Eppure proprio questi mesi segnati dal Covid 19 avrebbero dovuto insegnare che le tasse servono per pagare servizi fondamentali universali come la sanità pubblica”.

Calabria, Fratelli d’Italia travolta da scandali e inchieste: la decisione della Meloni