Tech

Tatuaggio elettronico: per monitorare la salute

Appassionati di tatuaggi? Ecco la nuova frontiera dei tattoo. I ricercatori hanno progettato un tatuaggio temporaneo creato da grafene che può essere applicato sulla pelle con acqua. Ma, a differenza di un tatuaggio temporaneo standard che presenta immagini e colori, questi tatuaggi a base di grafene sono quasi trasparenti, prestando le uniche proprietà elettroniche del grafene a chi li indossa. 

Grazie a queste proprietà, i tatuaggi al grafene funzionano come dispositivi elettronici indossabili, consentendo l’uso biometrico, come il monitoraggio dell’attività elettrica del cervello, del cuore e dei muscoli. I tatuaggi consentirebbero persino a chi li indossa di interagire direttamente con le macchine. Questi tatuaggi offrono funzionalità complete per circa due giorni o più, ma possono essere rimossi semplicemente con un pezzo di nastro adesivo.

Leggi anche: Tecnologia e salute: Skin Electronics misura il ritmo cardiaco

Cos’è il grafene?

Il grafene è in sostanza, uno strato spesso di grafite a un atomo, realizzato in carbonio elementare. È considerato un super materiale perché può essere allungato fino a un quarto della sua lunghezza, nonostante la sua robustezza, e può condurre elettricità a temperatura ambiente più velocemente di qualsiasi altra sostanza nota. Il grafene è anche biocompatibile, rendendolo ideale per usi biomedici, come i monitor indossabili.

Leggi anche: Gadget tecnologici: dal MIT arriva AlterEgo, l’indossabile che legge le parole nella nostra testa

Come funziona il tatuaggio elettronico?

Tatuaggi elettronici a grafene utilizzati per monitorare lo stato di salute di una persona, sono una nuova specie di sensori a scopo medico, creati da un team di ricercatori dell’Università di Austin, diretto da Deji Akinwande e Nanshu Lu. 

I tatuaggi si possono applicare in modo provvisorio sulla pelle in tutte le parti del corpo, fissandoli con un po’ d’acqua, e sono facilmente rimovibili. A differenza di quelli in uso per motivi estetici, quelli in grafene sono utilizzati come sensori in grado di misurare segni vitali come temperatura cutanea, battito cardiaco, attività muscolare e cerebrale o parametri come il livello d’idratazione. Tutti elementi che consentono di controllare lo stato di salute di una persona. 

Quali sono i vantaggi del tatuaggio al grafene?

Il tatuaggio elettronico del grafene funziona come molti inseguitori di fitness e fitness indossabili in commercio e, proprio come altri dispositivi indossabili, può monitorare sia la frequenza cardiaca che la bioimpedenza, un modo per determinare la risposta del corpo alla corrente elettrica. Tuttavia, questi tatuaggi grafene offrono numerosi vantaggi rispetto ad altri indossabili.

I tatuaggi ultrasottili si adattano alla pelle, a differenza dell’elettronica più grossa e goffa che viene montata sulla pelle con cinghie. Pertanto, offrono un rilevamento di qualità superiore con una minore vulnerabilità agli artefatti da movimento e nessuna necessità di montare cinghie, colla o gel che altri dispositivi indossabili richiedono per il funzionamento degli elettrodi.

Il tatuaggio è, a tutti gli effetti, un dispositivo indossabile, ma molto più efficace nella sua attività, che rileva dati medici al posto delle ingombranti apparecchiature mediche preposte a questa funzione. I tatuaggi non provocano disturbi e, quasi invisibili all’occhio, restano attaccati alla pelle svolgendo pienamente le funzioni di monitoraggo per due o più giorni anche se è possibile rimuoverli prima del tempo grazie a un nastro adesivo. 

 I sensori a grafene, secondo i ricercatori, che pensano a un loro futuro uso commerciale, hanno dato risultati molto promettenti, potendo avere una varietà di applicazioni in campi come l’assistenza sanitaria mobile o in quello delle interfaccia uomo-macchina. 

Leggi anche: Innovazione in sanità: la tecnologia sanitaria ha portato a diagnosticare problemi che non sarebbero mai stati dannosi