Lifestyle

Tecnologia: Uber taxi volante in arrivo

“Non credo che le chiameremo macchine volanti”, ha spiegato Jeff Holden, chief product officer di Uber, durante la conferenza Elevate di Los Angeles, con la quale il colosso del ride-sharing ha presentato i suoi progetti per rendere i taxi del cielo una realtà nel giro di cinque anni.  Uber testerà a Los Angeles un servizio di auto volanti, i primi voli dimostrativi nel 2020. 

Uber vuole intasare i cieli come le strade delle città di tutto il mondo. Ma ora sappiamo come potrebbe apparire il veicolo Uber nell’aria. ha finalmente presentato un progetto chiamato Uber Air e che sono destinati a rivoluzionare il trasporto cittadino: “In una città come Los Angeles, le persone trascorrono due settimane l’anno in mezzo al traffico. Ci siamo abituati ad accettare questa congestione estrema, con tutto quello che ne consegue in termini di emissioni di gas serra e impatto ambientale”, ha proseguito Holden.

uber-airLeggi anche: Uber, la criptovaluta Eco ideata dal co-founder Garret Camp

Uber Air

Il servizio si chiama UberAIR e fa parte del progetto di aviazione della società chiamato Elevate: Il concetto è completamente elettrico e può ospitare quattro persone più un pilota, in un unico file in un corpo sottile e cilindrico con grandi finestre. Il design, che ricorda un catamarano, presenta gondole aerodinamiche sospese alte su ogni lato, su supporti sottili. Questi sono i pod della batteria. In cima a ciascuno, e in cima a due pod più piccoli, ancora più lontani, siedono rotori impilati, che forniscono il sollevamento verticale elettrico per il decollo e l’atterraggio. 

Nella parte posteriore, dove la coda si troverebbe su un piano convenzionale, un’elica è rivolta in avanti, pronta per il volo orizzontale. C’è solo una porta, da un lato, per semplificare le operazioni a terra. Non c’è bisogno di ulteriori passaggi o di preoccuparsi che le persone escano dalla parte sbagliata in una piattaforma di atterraggio attiva. I calcoli di modellazione suggeriscono che la portata del concetto è di sole 60 miglia a causa dei limiti della batteria, e può volare solo fino a 2.000 piedi da terra (l’Empire State Building è a circa 1.250 piedi, per darti un’idea).

Leggi anche: Un’auto di Uber si blocca sulle scalinate di San Francisco! Il guidatore? Dà la colpa all’App!

Uber ha assunto l’ex ingegnere della NASA

Uber ha assunto l’ex ingegnere della NASA Mark Moore per sviluppare il concetto, che ha avuto un sacco di esperienza lavorando su velivoli a propulsione elettrica, tra cui l’X-57: un aereo piccolo e leggero che presenta 12 motori elettrici lungo le ali. L’obiettivo è rendere UberAIR disponibile diversi anni prima dell’inizio dei Giochi Olimpici di Los Angeles 2028. “Pensiamo che UberAIR possa effettuare attività su larga scala, parliamo di decine di migliaia di voli ogni giorno attraverso la città. A quei livelli, tutto il tempo risparmiato avrà un impatto positivo sull’economia della regione”, spiega Jeff Holden. “Los Angeles è da sempre un luogo aperto agli innovatori – dice il sindaco della città Eric Garcetti -. È il luogo perfetto per testare questa nuova tecnologia”.

È la prima partnership di Uber con un’agenzia governativa con l’obiettivo di realizzare una rete di velivoli per il trasporto condiviso su scala mondiale. “UberAIR effettuerà ogni giorno molti più voli sulle città di quanto sia mai avvenuto. Perché ciò avvenga in modo sicuro ed efficiente è necessario un cambio radicale delle tecnologie per la gestione dello spazio aereo. L’unione delle conoscenze software di Uber e l’esperienza ingegneristica decennale della Nasa in ambito aereo per affrontare questo scenario rappresenta un passo fondamentale per lo sviluppo di Uber Elevate”, spiega Jeff Holden, Uber Chief Product Officer. Uber è impegnata nell’idea e si è anche aperto a collaborare con altri produttori di aeromobili per rendere i taxi volanti una modalità di trasporto praticabile nel nostro futuro.

Leggi anche: Uber continua la sua espansione e lancia il nuovo servizio Uber Rent