Economia

Tesla: L’Arabia Saudita è interessata a finanziare Tesla come privata

La scorsa settimana, Elon Musk ha annunciato che intendeva privatizzare la società di auto elettriche Tesla. Il CEO della società ha scritto su Twitter e, più tardi in una dichiarazione ufficiale, di aver ottenuto finanziamenti. Naturalmente molte domande sono emerse dopo questa nota, in particolare: chi stava sostenendo la sua offerta? Oggi, forse Musk ha iniziato a rispondere ad alcune di quelle domande. Musk scrive di aver incontrato investitori sauditi dall’inizio del 2017 per discutere della privatizzazione di Tesla. L’Arabia Saudita e la Tesla Motors lavorano segretamente insieme allo sviluppo delle auto elettriche?

elon-musk-investitori-sauditi

Leggi anche: Tesla: costruisce la prima fabbrica fuori dagli Stati Uniti

La risposta di Elon Musk

Il fondatore fornisce nuovi dettagli sull’ipotesi dell’addio a Wall Street. Il piano per portare Tesla fuori dalla Borsa è reale e avrebbe il supporto del fondo sovrano saudita. Il chiarimento è arrivato con un post sul blog dell’azienda scritto dallo stesso Musk in cui ha spiegato che il soggetto principale che potrebbe sostenere l’operazione sarebbe il fondo sovrano saudita, che già nei giorni scorsi era emerso avere rilevato il 5% della società.

Cosa sta succedendo? Poco a poco sta diventando chiaro che il petrolio e altre fonti di energia fossile hanno raggiunto i loro picchi, e che le fonti di energia alternativa stanno prendendo il loro posto poco alla volta. Il forte calo dei prezzi del petrolio ha sorpreso tutti gli attori del mercato, ma un paese come l’Arabia Saudita è stato particolarmente colpito dal calo delle entrate petrolifere. Il principe Mohammed bin Salman, il nuovo uomo forte nel regno dell’Arabia Saudita, si vide costretto ad annunciare misure particolarmente drastiche per bilanciare il bilancio del suo paese.

elon-musk-investitori-sauditi

Leggi anche: Tesla: vende tavole da surf da $ 1500, esaurite in pochi minuti

Musk può davvero raggiungere un accordo?

Musk ha proposto un’offerta di $ 420 per azione per Tesla (TSLA) , ovvero circa il 12% in più rispetto a dove le azioni di Tesla sono state scambiate a fine mercoledì mattina. Ciò stimerebbe la società a oltre 70 miliardi di dollari. Gli analisti hanno sollevato dubbi su dove sarebbero arrivati i finanziamenti. Non è chiaro da chi Musk ha ottenuto finanziamenti da. Il Financial Times ha riferito di aver incontrato gli investitori sauditi, ma la società non ha commentato. In genere le banche di investimento forniscono l’enorme quantità di capitale per prendere una società privata. Ma questo comporta notevoli rischi – e aggiunge un’enorme quantità di debito al bilancio di un’azienda.

Anche se Elon Musk, che ha tweettato la settimana scorsa di avere “finanziamenti garantiti” per portare Tesla in privato, afferma che si stava riferendo alle conversazioni che aveva con il fondo sovrano saudita. I fondi sovrani sono fondi di investimento controllati da un governo nazionale. I sauditi stanno cercando di diversificare il loro interesse per il petrolio. I sauditi probabilmente non sono gli unici interessati all’acquisto di una partecipazione azionaria in Tesla, ha dichiarato Adam Jonas, un analista di auto per Morgan Stanley. Potrebbero essere interessati anche i fondi tecnologici e altri investitori alla ricerca di un pezzo della prossima generazione di veicoli, tra cui auto a guida ed auto elettriche. Ma non importa chi sia l’acquirente, ci sono alcuni problemi logistici da risolvere prima che l’azienda possa privatizzare.

Leggi anche: Tesla news, Elon Musk accusa un dipendente di sabotaggio