Start Up & Imprese

Tesla: Supercharger gratuiti durante la tempesta Florence, ecco perchè

Tesla ha esteso la gamma di batterie per auto in maniera gratuita nella città di Florence, interessata dall’uragano che l’ha colpita appena pochi giorni fa, prima che fosse declassata in tempesta tropicale.

Florence è arrivata in North Carolina venerdì sera.

Come riportato da NPR, l’auto elettrica più famosa al mondo può sfruttare a distanza la capacità massima delle sue batterie da 75 kWh nei veicoli Model S e X, aggiungendo circa 30 miglia di distanza in più.

I proprietari di Tesla sono stati informati che l’azienda aveva abilitato una capacità di batteria aggiuntiva, quindi visto il tempo in piena emergenza, stati offerti anche Supercharging gratuiti, capaci di portare le batterie all’80% in circa 30 minuti.

Speriamo che questo vi offra la tranquillità di raggiungere un luogo sicuro“, si leggeva nella nota ufficiale dell’azienda.

tesla-model3-annullato

Leggi anche: Tesla: L’Arabia Saudita è interessata a finanziare Tesla come privata

Tesla durante le emergenze atmosferiche

Le configurazioni normali della batteria torneranno già a metà ottobre.

Non è la prima volta che Tesla ha esteso l’autonomia delle batterie per aiutare le popolazioni in grave difficoltà: lo aveva già fatto lo scorso anno durante l’ uragano Irma.

Sugli altri veicoli General Motors di Chevrolet, Buick, GMC e Cadillac, tutti i membri di OnStar possono avere accesso a servizi di “Crisis Assist” durante i disastri come l’uragano Florence, anche se di solito non si iscrivono. Ciò significa che le persone possono utilizzare le proprie auto per uscire da zone disastrate, trovare hotel, gas o utilizzare i propri veicoli come l’hotspot WiFi.

Mary Ann Adams, responsabile degli incidenti di crisi per OnStar e in risposta alle catastrofe avvenuta, ha dichiarato che venerdì sera sono sopraggiunte circa 25.000 chiamate, attraverso il servizio di assistenza crisi, ma che tutte hanno avuto prontamente risposta grazie ad un team affabile e disponibile.

Leggi anche: Elon Musk: Tesla, possibile privatizzazione, ecco perché

elon-musk-tesla

Servizi in caso di crisi 

“Dato che le macchine sono collegate, forniscono servizi che altrimenti non sarebbe possibile sfruttare”, ha detto a proposito delle persone che ne hanno usufruito nella zona interessata dalla tempesta. Per molti strumenti OnStar, si tratta più che altro  dell’accesso a un telefono funzionante e a una fonte di ricarica. Per gli altri è un modo per trovare un hotel o ascoltare gli ultimi aggiornamenti della tempesta.

“Penso che sia un altro strumento per sopravvivere e navigare nella tempesta“, ha dichiarato Adams.

Dopo una tempesta, le chiamate al centro crisi aumentano di nuovo, soprattutto quando viene valutato il danno e sono necessarie ulteriori evacuazioni. Per alcuni si tratta solo di una questione di controllo per vedere se possono rientrare nella propria casa. E, se possono, la segnaletica e le strade potrebbero essere distrutte, richiedendo ancora più chiamate al centro di comando.