Tecnologia

Tommy Hilfiger: lancia una nuova linea di abbigliamento intelligente

La loro funzione principale è di catturare dati, da semplici a complessi, visualizzarli in qualche forma comprensibile e leggibile e condividerli. L’abbigliamento intelligente potrebbe oggi comportare un’autentica rivoluzione: pantaloni dotati di sensori, magliette connesse a internet, potrebbero diffondersi molto facilmente grazie al superamento dei sistemi elettronici delicati. I vestiti intelligenti hanno registrato una forte crescita nel primo trimestre del 2018. In particolare, l’abbigliamento e le calzature dotati di sensori nel periodo sono cresciute del 58,6 per cento, con una buona performance soprattutto da parte delle scarpe in grado di registrare i passi e la velocità di chi li indossa, delle magliette, dei pantaloncini e in generale di tutti i capi fitness in grado di registrare le performance di chi li indossa tramite sensori. Tommy Hilfiger sta lanciando una linea di abbigliamento Tommy Jeans Xplore che utilizza smart tag Bluetooth incorporati (collegati all’app iOS dell’azienda) per fornire “premi ed esperienze unici” agli acquirenti. Più indossi i vestiti, più punti guadagni, in pratica ottieni una manciata di benefici per diventare un cartellone pubblicitario ambulante.

tommy-hilfiger-xplore

Leggi anche: Green Fashion: realizzare capi di abbigliamento sostenibili, senza rinunciare allo stile

Gli abiti intelligenti che ti premiano

La tecnologia indossabile non è tutta bracciali per il fitness e smartwatch. Se i tracker di attività come Fitbit Flex e Jawbone UP erano la prima ondata indossabile, gli smartwatch come Apple Watch e Moto 360 basato su Android Wear sono la seconda. Qual è quindi la terza ondata? Che cosa possiamo aspettarci? Per farci un’idea dell’aspetto che avranno gli indossabili del futuro? Tanto per cominciare, tutti sembrano d’accordo che una delle più grandi aree di crescita sarà rappresentata dagli abiti intelligenti. La linea Xplore comprende abiti da uomo, da donna e unisex, ed è disponibile “esclusivamente” negli Stati Uniti attraverso il sito Web di Tommy Hilfiger e il suo flagship store 5th Avenue a New York City.

Tommy Hilfiger di proprietà di PVH Corp., ha svelato Tommy Jeans Xplore, prodotto con tecnologia smart-chip che offre ai consumatori premi ed esperienze per ogni abbigliamento, creando una micro-comunità di ambasciatori del marchio. È offerto nei modelli da uomo, donna e unisex. La nuova linea di abbigliamento, che racchiude etichette intelligenti create da Awear Solutions, si collega a un’app per iOS tramite Bluetooth in modo che chi la indossa possa fare delle sfide, come raccogliere Tommy Hearts su una mappa in-app e indossare gli abiti intelligenti di Tommy. Tommy Jeans non vuole solo che i clienti acquistino i loro prodotti, ma offre dei premi se indossati molto. La descrizione dell’app suggerisce che alcuni premi potrebbero essere prodotti, carte regalo, articoli firmati o biglietti per sfilate.

tommy-hilfiger-xplore

Leggi anche: Amazon Echo Look, uno stilista personale nel tuo armadio che sceglie i vestiti per te

E la privacy?

Ci sono numerose domande sul programma Xplore, in particolare sulla privacy. Quanti dati i tag e l’app inviano a Tommy Hilfiger, ad esempio? E quanto controllo hai su quei dati, specialmente se decidi di ritirarti? La società non ha affrontato direttamente l’ambito della raccolta dei dati in una dichiarazione a Engadget oltre a riconoscere che potrebbero esserci informazioni personali. Tuttavia, ha sottolineato che è necessario attivare il tag oltre a optare in e che è possibile disattivarlo “in qualsiasi momento”. Le informazioni del tag smart vengono crittografate, aggiunte e tutte le informazioni personali vengono separate e crittografate in modo che Tommy possa ottenere le statistiche senza identificare il contenuto. Puoi anche cancellare i dati. 

Questo non è completamente ispirato alla fiducia, ma è chiaro che l’azienda ha alcune garanzie per tutto ciò che raccoglie. Tommy è entusiasta della prospettiva di creare una “micro-community” di ambasciatori, ma ciò non significa che i suoi clienti modificheranno significativamente il loro guardaroba (e potenzialmente condivideranno le informazioni) per alcuni vantaggi. Questo è in definitiva un esperimento di abbigliamento connesso che recluta fashionistas come tester, e non c’è certezza che si offrano volontari a frotte. In realtà, dimentica i vestiti che ti semplificano la vita. Tommy ci sta mostrando una visione realistica del futuro degli abiti intelligenti.

Leggi anche: Internet of Things Italia: un mercato in crescita esponenziale