Lifestyle

Trovate 8 auto abbandonate nel futuristico robot park di Edimburgo

Sono state ritrovate alcune auto abbandonate a Edimburgo, più precisamente in una struttura, il robot park, che sta per essere demolita.

Di cosa si tratta?

Nel 2001, nella capitale della Scozia, fu inaugurato un parcheggio futuristico: lo Sky park, osannato come la vera avanguardia della città. Costato circa 5 milioni di euro, è stato il parcheggio tecnologicamente più avanzato di tutta la Gran Bretagna.

I clienti potevano entrare con i loro veicoli all’interno della struttura, che sarebbe stata denominata Robot Park: farsi spostare l’auto direttamente da un robot, senza doversi preoccupare di dover lasciare la propria macchina a posteggiatori incompetenti. Il vantaggio era inoltre quello di evitare di perderla all’interno di un vero e proprio labirinto costituito da rampe e scalini.

Il robot park è stato utilizzato moltissimo, ma ha chiuso i battenti un paio di anni dopo per problemi amministrativi.

Robot-park-edimburgoLeggi anche: L’auto che legge la mente umana di Nissan: ecco la nuova frontiera dell’Intelligent mobility
Così, otto veicoli sono praticamente stati tenuti prigionieri per oltre un decennio nel parcheggio oramai in disuso e completamente abbandonato. Visto il recente smantellamento della struttura, i veicoli sono stati ritrovati perfettamente integri e preservati.

Come mai nessuno li ha reclamati in tutti questi anni? A chi appartenevano e che fine faranno una volta recuperati?

Sembra di aver aperto una capsula del tempo. Le auto risalgono ovviamente a 15 anni e sono in buono stato. C’è una Austin Maestro, una Fiat Uno. Tra i veicoli ce n’è anche una datata fine anni ’80. Quasi un cimelio.

Leggi anche: Auto su Marte: ora Elon Musk vuole spedire la Tesla Roadster sul pianeta rosso

Il robot park verrà demolito per fare spazio ad un nuovo edificio, che ospiterà uffici, per una somma di 30 milioni di sterline. E pensare che, nel 2001 al momento della costruzione, lo Sky park era stato salutato come un simbolo del futuro, prendendo spunto da imprese simili già presenti e funzionanti nelle città di Sydney, Tokyo e Pechino. Il perché delle auto abbandonate rimane un vero e proprio mistero. L’impresa di demolizione ha fatto sapere che faranno di tutto per salvarerle, forse riconsegnandole ai rispettivi proprietari.