Interni

Tutti i segreti di casa Windsor: cosa si nasconde dietro la scelta di Harry e Meghan

Un passo indietro che ha fatto discutere parecchio, quello di Harry e Meghan, che a sorpresa hanno deciso di abbandonare il loro status di “Senior Royal”. Perché insofferenti di fronte a una vita costantemente sotto i riflettori, certo. Ma oltre alla nostalgia verso una quotidianità meno esposta alle attenzioni mediatiche c’è dell’altro. Come sottolineato da diverse testate inglesi, un passaggio chiave del discorso dei due è quel “vogliamo mantenerci da soli” arrivato in un momento particolare, quello in cui si discute proprio di come riorganizzare quell’azienda che è Casa Windsor.E proprio come tutte le aziende, anche quella che risponde al nome di Famiglia Reale si trova a fare i conti con la necessità di sfoltire, di alleggerirsi. Un po’ ci ha pensato il caso, con lo scandalo Epstein che ha travolto il duca di York, Andrea. Poi è arrivato l’annuncio di Harry e Meghan. La Royal Family, d’altronde, ha dei costi che gravano sulle tasche dei contribuenti, anche sul fronte sicurezza. Anche se rende, e parecchio: nel 2017 Casa Windsor ha generato un volano per l’economia di 1,8 miliardi di sterline. Al prezzo, per ogni cittadino britannico, di sole 4.50 sterline l’anno.Tra tesori, tesoretti, sfarzose proprietà e intangible assets, la Royal Family è un vero e proprio affare. I cui confini, soprattutto quelli della prima linea, vanno però delimitati. Carlo ha fatto capire che, quando sarà il suo momento, vorrà una struttura ai minimi termini: William dedicato agli affari interni, Harry al Commonwealth e pochi altri. Anche al recente vertice Nato, d’altronde, lo schieramento era decisamente ridotto, con i soli Carlo, Anna, Kate e la regina. Già in passato i giornali inglesi, smentendo l’ipotesi di una staffetta anticipata, avevano anche chiarito che con l’avvento di Carlo si sarebbe andati incontro a una “cura dimagrante” per la Royal Family. La Regina, a tal proposito, sembra decisa a voler sfruttare un apparente problema in un’opportunità, l’occasione per definire gli assetti della Corona per le future generazioni.

Ascolti in calo e polemiche: tutti i guai della Rai “sovranista”