Interni

Un amore ritrovato: Di Battista giura fedeltà alla linea Di Maio

Poche parole ma ben precise. Per confermare a voce tutta la propria lealtà al leader del Movimento Cinque Stelle, quel Di Maio che non pare essere in discussione in questa delicata fase della vita pentastellata. Alessandro Di Battista, intercettato nelle vie del centro di Roma, ha scelto di non parlare dei possibili scenari futuri dopo la crisi. Ma ha ribadito il suo impegno al fianco del collega.

“Sui punti di programma? Li condivido al mille per mille”. L’ex deputato M5s alla domanda se avesse ascoltato il discorso di Giuseppe Conte in Senato ha replicato: “Come tutti gli italiani e quello di Conte è stato un ottimo discorso”. Una conferma importante, quella arrivata da Di Battista, che fino a pochi giorni fa era indicato come la possibile mina vagante del Movimento.
Tra i Cinque Stelle, infatti, c’era ancora chi sosteneva la necessità di un ritorno all’alleanza con Salvini per portare avanti le riforme necessarie al Paese, contrari al salto nel buio che avrebbe rappresentato il saldarsi col Partito Democratico. E, stando alle voci, proprio Di Battista avrebbe incarnato con maggiore veemenza questa linea, ostile a qualsiasi patto coi dem.Ora, però, sembra che le distanze si stiano limando. Di Battista non ha ufficialmente aperto al Pd, ma i suoi giuramenti di totale lealtà a Di Maio suonano come una totale disponibilità ad abbracciare la linea decisa dai colleghi. Quella, ormai quasi certa, di un governo giallorosso.

I 3 punti di Zingaretti: queste le vere richieste al M5S per dar vita a un governo