Esteri

Ungheria, il parlamento dà i pieni poteri a Orban. Può governare per decreto e non far votare

Il Parlamento ungherese ha votato i pieni poteri per il premier Viktor Orban per combattere il coronavirus. Nei termini della legge, Orban, senza limitazione di tempo, può governare sulla base di decreti, chiudere il Parlamento, cambiare o sospendere leggi esistenti e ha la facoltà di bloccare le elezioni. Spetta a lui determinare quando finirà lo stato di emergenza. Inoltre, chi diramerà “false notizie” rischierà da 1 a 5 anni di carcere. Hanno votato a favore i deputati di Fidesz ed alcuni dell’estrema destra. Lo conferma l’Ansa.

La notizia ha subito agitato mezzo mondo. Via con un tratto di penna, nei fatti anche se magari non nella forma, il parlamento ungherese. Il disegno di legge di emergenza conferisce al primo ministro Viktor Orbán il potere di governare con decreto. La legge non ha un termine di fine, ma il potere legislativo sarebbe conferito al primo ministro, in via emergenziale, ma senza una chiara data di fine.

Il disegno di legge prevede anche pene detentive fino a 5 anni per chiunque diffonda notizie false, con il problema però che Victor Orban taccia come false praticamente tutte le notizie che arrivino da giornali di opposizione.
Per la democrazia ungherese, già da tempo traballante, potrebbe essere il colpo definitivo.

 

Ti potrebbe interessare anche: Si è rotto l’asse sovranista: Orbàn & co. hanno abbandonato Salvini