Social

Valentina Nappi infiamma i social: “Eliminiamo il parto naturale”

Valentina Nappi infiamma i social. Stavolta però la famosa pornostar non si esibisce in una delle sue solite performance, ma decide di dire la sua su alcuni aspetti della politica nazionale. La Nappi prima se la prende con i valori della destra come ‘Dio, Patria e Famiglia’. Poi alza ancora il tiro proponendo di eliminare il parto naturale per sostituirlo con uteri artificiali. Basta anche all’educazione dei bimbi in famiglia: meglio dallo Stato.

Valentina Nappi

“Dio, Patria, Famiglia, ma sono tutti divorziati, evasori fiscali e cattolici con il c**o degli altri”, ha cinguettato Valentina Nappi qualche giorno fa criticando i valori fondanti della destra italiana e mettendo in evidenza le contraddizioni di chi pronuncia questo slogan. “Guarda che il PD non lo voterei perché si sono schierati contro il nucleare”, ha poi replicato polemicamente a chi la invitava a votare per il Partito Democratico alle prossime elezioni.

Poi arriva la stoccata social sul concetto di famiglia. “I bambini non dovrebbero essere educati dai genitori o da piccole comunità, ma dallo Stato. – mette nero su bianco Valentina Nappi – Stato che non dovrebbe essere laico ma ateo, cioè dovrebbe avere come principi costituzionali l’ateismo di Stato, il razionalismo radicale e il positivismo”. Insomma, secondo la pornostar, “l’educazione dei bambini è politica. Anche quella dei tuoi figli lo è e pertanto è affar mio. La devo decidere anche io”.

“Eliminiamo il parto naturale. – sgancia poi un’altra bomba – Facciamo nascere tutti i bambini (in numero deciso dallo Stato) in uteri artificiali a partire da embrioni con la migliore genetica (e una certa variabilità). I bambini non avranno famiglia e saranno educati da pedagoghi e IA in resort di lusso. Uno Stato razionalista finanzia il porno e forma pornoattori”, conclude il suo sfogo social Valentina Nappi.

Potrebbe interessarti anche: Salvini, la guerra tra Sgarbi e la pornostar Valentina Nappi manda in tilt la tv

Articoli correlati

Torna su