Finanze

Wall Street: Jane Fraser potrebbe diventare il primo amministratore delegato bancario

È una delle donne più potenti nel settore bancario e viene spesso citata come contendente per il top post di una delle più grandi banche di Wall Street. Potrebbe Jane Fraser di Citi diventare la prima donna CEO di banca a Wall Street? Jane Fraser, CEO delle operazioni di America Latina di Citigroup, parla con Boss Files della CNN sulla navigazione nella cultura aziendale dell’America Latina, abbracciando la sua femminilità e se potrebbe diventare il prossimo CEO di Citi.

jane-fraser-ceo-bancario

Leggi anche: Warren Buffett: il suo primo investimento, consigli e segreti

La “Donna numero 1 da guardare”

“Non vedo l’ora di vedere una donna essere il primo amministratore delegato di una società di Wall Street, chiunque sia”, dice Fraser a Poppy Harlow della CNN. “Non ho mai avuto l’ambizione di essere l’amministratore delegato di Citi o di qualsiasi altra organizzazione. Le cose possono cambiare nel tempo, ma al momento ho ancora molto da imparare.” Jane Fraser è l’amministratore delegato di Citigroup America Latina responsabile di tutte le imprese nei 23 paesi in cui Citi è presente in questa importante regione, incluso il Messico. Jane siede nel comitato operativo di Citi.

Prima di questo ruolo, è stata Chief Executive Officer di US Consumer and Commercial Banking e CitiMortgage. Dal 2009 al 2013, Jane è stata Amministratore delegato della Global Private Bank di Citi. Nel corso di quattro anni, ha trasformato il business, reclutando e sviluppando i migliori talenti per fornire risultati eccellenti e indici di efficienza leader del settore. In precedenza, Jane ha ricoperto il ruolo di Global Head of Strategy and Mergers & Acquisitions per Citi dal 2007 al 2009 e ha anche guidato lo sforzo di re-engineering dell’azienda. È entrata in Citi nel 2004 per gestire Client Strategy per la divisione Global Banking.

È stata chiamata la “Donna numero 1 da guardare” per due anni consecutivi da American Banker . È presidente del Business Council Brasile-Stati Uniti, membro del consiglio di fondazione del Consiglio degli affari USA-Colombia, membro del Consiglio di amministrazione di Banamex, AACCLA (Camera di commercio americana), Consiglio delle Americhe, Consiglio di Dean’s Advisors, Harvard Business School e membro del Council on Foreign Relations. Prima di unirsi a Citi, Jane è stata partner della McKinsey & Company, dove ha lavorato a Londra e New York per 10 anni al servizio dei clienti nel settore dei servizi finanziari. Mentre lavorava alla McKinsey, ha scritto numerosi articoli sulla globalizzazione e ha scritto un libro sulla strategia globale, Race for the World , pubblicato da HBS Press nel 1999. Ha iniziato la sua carriera presso Goldman Sachs nel dipartimento Mergers & Acquisitions di Londra e poi ha lavorato per Asesores Bursátiles a Madrid, in Spagna.

jane-fraser-ceo-bancario

Leggi anche: Elon Musk: Tesla, possibile privatizzazione, ecco perché

Più donne in ruoli senior in banca

Fraser dice che è impegnata a portare più donne in ruoli senior in banca, ma riconosce che non è solo una questione di genere. “Abbiamo anche portato persone provenienti da diversi paesi, abbiamo coinvolto persone di diversi settori, quindi ho imparato che si tratta di diversità, non solo di genere”, afferma. Oggi, le donne rappresentano il 51% dei dipendenti totali di Citi a livello globale e il 32% dei dirigenti e degli alti dirigenti della banca negli Stati Uniti. Una chiave per un successo è l’empatia, dice Fraser. “Mi immagino sempre dall’altra parte del pubblico e, Come mi piacerebbe sentire le cose?’” Dice Fraser. “Mi piace parlare in modo diretto, penso che la trasparenza sia importante e l’autenticità è importante, non mi piace mai parlare in privato, quindi penso che sia importante solo dire come vanno le cose”. Dice che l’esperienza le ha insegnato che non deve sapere tutto. “Impari da quelle situazioni … Perché è stata una crisi e perché non sapevo nulla”, dice. “Devi assumere persone che sono migliori di te e più competenti di te. Devi far lavorare insieme la squadra”.

Leggi anche: Apple: è ufficiale è appena diventata la prima azienda da mille miliardi di dollari