Lifestyle

WhatsApp non si aggiorna più: ecco i dispositivi che non potranno utilizzare l'App

WhatsApp non si aggiorna più su alcuni dipositivi

Con l’avvento del nuovo anno, arriva anche una brutta notizia per molti utilizzatori di WhatsApp. La nota piattaforma, irrinunciabile per milioni di persone ogni giorno, non offrirà più aggiornamenti per alcuni dispositivi a partire dal 2018. La misura in sé non è affatto nuova, in quanto avrebbe dovuto essere attuata già all’inizio del 2017. Tuttavia è stata poi rimandata di mese in mese fino alla fine di dicembre. Adesso però lo stop è definitivo.
L’applicazione di messaggistica istantanea più utilizzata al mondo a breve saluterà quindi una fetta dei suoi utenti e si prepara a chiudere un anno ricco di cambiamenti. Una delle novità più apprezzate e funzionali degli ultimi 12 mesi è stata sicuramente quella di offrire la possibilità di eliminare i messaggi in modo pemanente dopo averli inviati.
Gli utenti richiedevano da tempo questa opzione per migliorare la performance globale dell’applicazione. Eppure si tratta di un successo a metà, che ha lasciato molti insoddisfatti: si poteva fare meglio. La funzionalità deve essere notevolmente migliorata, dato che tuttora risente del forte limite temporale – di soli 7 minuti – entro cui cancellare i messaggi. Una volta terminati, infatti, non è più possibile farlo.
Leggi anche: Messaggi vocali: su WhatsApp cambia il modo di fruizione, simile a quello di Telegram

whatsapp-messaggi-vocaliEcco i device non più aggiornabili

La nuova misura potrà sembrare folle a molti, ma è assolutamente comprensibile sia dal punto di vista commerciale che tecnologico. Infatti non tutti i device subiranno lo stop della piattaforma di messaggistica istantanea, ma solo quelli considerati ormai obsoleti oppure che utilizzano versioni troppo datate e non più aggiornabili.
D’altro canto, anche se WhatsApp non si aggiorna più, l’azienda già fatto sapere che lancerà tanti nuovi aggiornamenti nel corso del 2018, ma non saranno disponibili solo per alcuni dispositivi. I device tecnologici che dovranno subito farne a meno sono Windows Phone fino alla versione 8.0 inclusa, BlackBerry OS e BlackBerry10.
Inoltre saranno interessati Nokia S40 fino alla fine di tutto il 2018, Android 2.3.7 e precedenti fino al 1° febbraio 2020. Chi possiede uno di questi dispositivi non potrà più in alcun modo utilizzare l’applicazione come ha fatto finora, salvo passare ad un altro più aggiornato. L’azienda combatterà fortemente gli usi non autorizzati.
Leggi anche: Cancellazione messaggi Whatsapp, arriva la nuova funzione sulla famosa app

whatsapp-messaggi-vocali-2Misure severe per i “furbetti” che aggirano le regole

Anche i “furbetti” del web, abituati ad aggirare le misure più ferree, dovranno presto rassegnarsi al fatto che WhatsApp non si aggiorna più. L’azienda continuerà ad usare il pugno di ferro come ha già fatto nei giorni scorsi, quando alcuni di loro sono riusciti abilmente a bypassare i limiti imposti dalla piattaforma.
Non sono mancati infatti gli utilizzatori che hanno provato ad eliminare i messaggi inviati anche dopo la scadenza del tempo massimo di 7 minuti; né quelli che hanno usato applicazioni non originali, ma molto simili a WhatsApp. L’azienda ha fatto sapere che bannerà tutti gli utenti che hanno ignorato le sue regole e che prenderà seri provvedimenti contro chi le oltrepasserà in futuro.
Il monito è già arrivato ai diretti interessati, ai quali, nel migliore dei casi, è stato subito impedito di ricevere e inviare messaggi. Molti sono invece stati bannati in modo permanente, pertanto non potranno mai più installare e utilizzare l’applicazione con il numero di telefono “incriminato”. L’azienda lo ha già inserito nella propria lista nera e non ha alcuna intenzione di cancellarlo.
Leggi anche: Notification History è la App che consente di recuperare i messaggi eliminati di WhatsApp