Mass Media

Oscar, Will Smith si scusa con Chris Rock: “L’amore fa fare cose folli”

Will Smith vince il suo primo Oscar come attore protagonista per ‘King Richard’. Il film narra la storia della famiglia delle due famosissime sorelle campionesse di tennis, Venus e Serena Williams. Ma a far discutere non è stato purtroppo questo meritato riconoscimento per l’attore, bensì lo schiaffone che Smith ha rifilato al comico Chris Rock, colpevole di aver offeso sua moglie che soffre di alopecia. Il vincitore dell’Oscar si è comunque scusato pochi minuti dopo tra le lacrime per il suo gesto “inaccettabile”.

Will Smith

“Scherzi a mie spese sono parte del lavoro, ma lo scherzo su un problema medico di Jada è stato troppo da sopportare e ho reagito emotivamente”, si giustifica così Will Smith definendo “inaccettabile e senza scuse” il suo comportamento violento. “Voglio farti le mie pubbliche scuse Chris. Ho sbagliato e mi sento imbarazzato. Le mie azioni non sono indicative dell’uomo che vorrei essere”.

“L’amore mi fa fare follie. – prosegue poi in lacrime il neo premio Oscar – In questo momento della mia vita mi sento sopraffatto da quello che Dio mi chiede di fare ed essere su questa terra. Per fare questo film ho dovuto proteggere mia moglie, una delle donne più forti e delicate che abbia mai incontrato. Ho dovuto proteggere Saniyya e Demi, le due attrici che hanno interpretato Venus e Serena. Sono stato chiamato ad amare le persone, a proteggerle, a essere un fiume per loro”.

“So che per fare quello che facciamo bisogna essere in grado di prendere, di accettare chi in questo settore non ti porta rispetto, sorridendo e facendo finta che tutto vada bene. – conclude Will Smith – Voglio essere un messaggero di amore. Ringrazio Venus, Serena e tutta la famiglia Williams per avermi affidato la vostra storia. Questo è un momento bellissimo e non sto piangendo perché ho vinto un Oscar, ma perché è possibile proiettare luce sugli altri”.

Potrebbe interessarti anche: Attori più pagati 2018 secondo Forbes: ecco chi sono i primi dieci

Articoli correlati

Torna su