Esteri

Ucraina, Zelensky: “I nostri eroi resistono in Donbass”

Volodymyr Zelensky torna a rivolgersi al popolo ucraino con un nuovo messaggio pubblicato la notte scorsa. Il presidente descrive in maniera drammatica la situazione sul campo di battaglia nella regione del Donbass. Ammette che i suoi uomini devono affrontare enormi difficoltà. Ma si dice convinto che possano resistere ai russi e li definisce “eroi”.

In this image from video provided by the Ukrainian Presidential Press Office and posted on Facebook early Tuesday, March 15, 2022, Ukrainian President Volodymyr Zelenskyy speaks in Kyiv, Ukraine. (Ukrainian Presidential Press Office via AP)

I soldati dell’esercito ucraino a Severodonetsk hanno “ogni possibilità di respingere i russi e di essere forti. – dichiara Zelensky nel suo ultimo messaggio – I nostri eroi mantengono le loro posizioni, duri scontri di strada continuano in città. Lysychansk, Slovyansk, Bakhmut, Sviatohirya, Avdiivka, Kurakhove e altri obiettivi dei raid russi sono i punti più caldi del confronto oggi. L’esercito russo sta cercando di usare forze aggiuntive in direzione del Donbass, ma il Donbass ucraino resiste e resiste fermamente”.

Secondo Zelensky, però, i colloqui di pace con la Russia sono “a livello zero”. E intanto lancia l’allarme sul fatto che si starebbe sviluppando “una situazione molto minacciosa” nella regione di Zaporizhzhia. “Sono grato al primo ministro Boris Johnson per la piena comprensione delle nostre richieste e la disponibilità a fornire all’Ucraina esattamente le armi di cui ha così bisogno per proteggere la vita del nostro popolo”, aggiunge poi il numero uno di Kiev facendo riferimento alle nuove forniture di armi pesanti garantite da Londra.

“Io non sono stato invitato (ai colloqui di Ankara) e ad oggi non lo è stato neanche il ministro degli Esteri. – denuncia in un altro messaggio – Per noi è importante per esportare il grano che le navi siano scortate dalla flotta di un Paese o dell’altro. Ne abbiamo parlato sia con la Turchia che con la Gran Bretagna. La Turchia sta cercando di individuare la modalità attraverso cui fornirci garanzie. Io credo che con questo intento si incontri con la Russia: ottenere da Mosca garanzie sulla sicurezza delle loro navi”, conclude.

Potrebbe interessarti anche: Ucraina, 100 giorni di guerra, il messaggio di Zelensky: “La vittoria sarà nostra”

Torna su