Tecnologia

Airobotics, nuovo round di finanziamento da 30 milioni di dollari: ecco perchè

Airobotics, la startup che sviluppa droni automatizzati (abilitati a volare senza un pilota), è riuscita a raccogliere 30 milioni di dollari grazie ad un nuovo round di finanziamento.

Airobotics è un’azienda israeliana leader nel settore dei droni automatizzati.

Questo recente finanziamento sarà utilizzato per incrementare gli sforzi di produzione della società, al fine di soddisfare la nuova domanda e contribuire allo sviluppo della sede globale della società in Arizona, in quanto sembra capitalizzare in particolare gli interessi delle società minerarie nel Nord e nel Sud America.

Razionalizzare la produzione per raggiungere la crescita e la scala è ciò per cui questo finanziamento deve essere utilizzato“, secondo il chief executive officer e co-fondatore dell’azienda, Ran Krauss.

Poiché la società sembra aumentare la produzione, con tutta probabilità limiterà gli sforzi verso gli Stati Uniti, dati i vincoli che i prodotti Airobotics hanno sui suoi potenziali fornitori, in quanto attualmente esiste catena un coinvolgimento nel settore della difesa.

Leggi anche: Airobotics, la startup israeliana lancia sul mercato droni autonomi

ifo drone

Diventare attivi nella città intelligenti

Il Co-fondatore Krauss non ha commentato se la società stia effettivamente facendo qualche lavoro con il Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, o addirittura con la diffamata immigrazione alla dogana e alla pattuglia di frontiera degli Stati Uniti, ma l’ICE ha espresso interesse acquisendo nuove e innovative tecnologie di droni. Per questo la compagnia sta spingendo duro sul mercato della sicurezza nazionale, dopo che ha ottenuto un round di $ 32,5 milioni di round solo nel 2017.

Stiamo approfondendo il nostro lavoro nel settore minerario in Australia e negli Stati Uniti, il prossimo passo sarà quello di essere attivi in tutti le città intelligenti“, ha affermato lo stesso Krauss.

Le attività minerarie della compagnia coprono oggi tutto il mondo con le spedizioni attraverso il gigante minerario BHP in Arizona, il Sud 32 in Australia, Vale in Brasile e altre società arrivando anche al Cile.

Stiamo guardando molto seriamente al mercato degli Stati Uniti, soprattutto a causa delle nostre dimensioni. L’estrazione mineraria è un mercato significativo negli Stati Uniti, così come i voli in città, cosa che stiamo cercando di fare già da due anni “, ha affermato ancora Krauss.

Leggi anche: Robot Alter Ego, perla tecnologica Made in Italy

Airobotics: applicazione alle aziende

Airobotics sta inoltre ottenendo introiti anche attraverso contratti che fanno sicurezza e gestione delle strutture per aziende come Intel, dove è già incluso in uno dei grandi stabilimenti di produzione di semiconduttori della società.

La società Airobotics è stata la prima azienda al mondo ad ottenere l’autorizzazione di pilotaggio droni completamente automatizzati senza un pilota: è stato infatti autorizzato dall’Autorità per l’aviazione civile di Israele (CAAI).

“Abbiamo una solida pipeline aziendale e per tenere il passo con la domanda della nostra tecnologia, stiamo continuando ad espandere le operazioni nei paesi in cui operiamo, in particolare nella nostra nuova sede negli Stati Uniti. Inoltre, il nuovo finanziamento guiderà il nostro continuo lavoro con le autorità aeronautiche per ottenere il certificato di rinuncia BVLOS (oltre la visibilità visuale della linea) in ogni area geografica in cui operiamo, anche negli Stati Uniti”, ha affermato ufficialmente Krauss.

Il nuovo finanziamento è stato guidato da Pavilion Capital, una società di investimento sino-americana con sede a New York. Tra gli investitori precedenti citiamo: Blue Run Ventures Cina, Charles River Ventures e OurCrowd, così come molti altri investitori privati che hanno anche partecipato attivamente al finanziamento.