Lifestyle

Amazon Prime, supera i 100 milioni di membri. In più altre rivelazioni

Amazon Prime continua a crescere. L’amministratore delegato della compagnia Jeff Bezos, in occasione della lettera annuale inviata agli azionisti ha rivelato che il servizio offerto della sua azienda ha oltre 100 milioni di abbonati a livello mondiale. Si tratta, inoltre, della prima volta che l’azienda di Seattle ha svelato i dati sul servizio in oltre tredici anni di storia. Nel 2017, Amazon ha spedito più di 5 miliardi di articoli con Prime in tutto il mondo

Il numero di abbonati principali per anni è stato un segreto al centro di molte speculazioni. Bezos è sempre stato un po’ cauto nel condividere le statistiche di Amazon. Questa è la prima volta che dichiara pubblicamente quanti membri Prime l’azienda ha sottoscritto. La cifra conferma inoltre che Prime è uno dei più grandi abbonamenti Internet del mondo e un gigante tra i rivenditori online. 

amazon-prime

Leggi anche: Trump contro Amazon: ordina indagine sull’accordo con US Postal Service

Il successo di Amazon Prime

Per la prima volta, Jeff Bezos, numero uno di Amazon, ha svelato il numero di persone che pagano per godere del servizio Prime che prevede consegne gratuite illimitate entro due giorni da un ordine, oltre all’ accesso di musica e video. Lanciato 13 anni fa, Amazon Prime è il programma di abbonamento mensile o annuale della società. Amazon ha spedito oltre 5 miliardi di articoli tramite Prime nel 2017 sfruttando i tempi di consegna e le spedizioni gratuite.  Inoltre, lo stesso CEO ha anche svelato che sempre nel 2017 la compagnia ha registrato il più alto numero di nuove sottoscrizione rispetto a qualsiasi altro anno precedente.

“Tredici anni dopo il lancio, abbiamo superato su scala globale i 100 milioni di membri prime paganti”, ha scritto il fondatore di quello che da un rivenditore online di libri è diventato un colosso del commercio elettronico. Le azioni di Amazon sono aumentate dell’1,5% circa nel trading esteso dopo la pubblicazione della lettera.Più della metà degli articoli venduti tramite Amazon ora provengono da venditori di terze parti. Anche i prodotti della società stanno vendendo bene, secondo Bezos, che afferma che l’anno scorso è stato il migliore per le vendite di hardware Amazon, come i dispositivi Echo e Fire.

Negli ultimi anni infatti sono stati gli stessi analisti ed azionisti ad ipotizzare il numero di abbonati a Prime Video, il cui costo proprio di recente è stato aumentato anche in Italia a 36 Euro all’anno, contro i 19 precedenti. Amazon Prime infatti va ben oltre i semplici vantaggi offerti a livello di spedizione, in quanto offre anche l’accesso al servizio di streaming Prime Video (la principale alternativa a Netflix, nonostante un catalogo comunque piuttosto ristretto) ed include anche quantità di spazio illimitato per archiviare le fotografie.

Bezos sottolinea l’importanza di fissare standard elevati. Brendan Witcher, un analista principale di Forrester, ha affermato che il numero di abbonati chiarisce che Amazon “continua a imporre un numero sempre maggiore di ragioni per cui i consumatori diventano membri Prime. Altre società si concentrano sulle entrate in crescita”, ha detto Witcher. “Jeff ha un’ottima visione del mondo, una visione salutare del mondo che riconosce che la lealtà verso il tuo marchio genererà entrate e non necessariamente il contrario. Concentrarsi su Prime membership è un’ottima strategia per Amazon”.

Leggi anche: Amazon, Apple, Facebook, Google: ecco perché sono e saranno leader

La retribuzione annuale per i lavoratori di Amazon diversa da Bezos

Per rispettare il Dodd-Frank Act, la riforma finanziaria voluta dall’ex presidente Usa Barack Obama in seguito alla crisi del 2008, a partire da quest’anno anche Amazon ha dovuto dichiarare il compenso del proprio amministratore delegato in rapporto alla paga media di un suo dipendente. Jeff Bezos guadagna “solo” 1,7 milioni di dollari ha portato a casa 59 volte più di quanto guadagnato da un lavoratore del gruppo. In salario medio di 28.446 dollari, molto meno di quello di altri colossi tech come Facebook (240mila) o Twitter (160mila).

La differenza è dovuta al fatto che, mentre punta ad ampliare la propria rete logistica, Amazon arruola sempre più operai nei magazzini. Questi ultimi sono pagati meno delle persone specializzate che lavorano al quartier generale a Seattle. Nella lettera Bezos ha ringraziato tutti i dipendenti, il cui totale supera i 560mila. Confermando le indiscrezioni dei giorni precedenti, ha anche detto che Amazon sta lavorando per permettere ai membri Prime di avere vantaggi nei supermercati.

Leggi anche: Amazon acquisisce Ring: il videocitofono intelligente tra i must-have per la Smart-Home