Lifestyle

Bitcoin nuovo oro digitale, una lunga strada davanti

Il Bitcoin potrebbe essere l’erede dell’oro:un erede scalpitante, al punto che avrebbe già cominciato a fare concorrenza al lingotto, come bene rifugio e come riserva di valore. Infatti in molti considerano il Bitcoin come un’alternativa seria al trading con l’oro. Il ruolo di Bitcoin come nuovo oro un rifugio sicuro per gli investitori, continua a valere il merito. Una correlazione è emersa tra i prezzi dell’oro e della criptovaluta alla fine dello scorso anno, quando gli investitori hanno iniziato a scambiare oro per bitcoin. Gli analisti si aspettano che la tendenza continui, nonostante il recente calo del prezzo del bitcoin. 

Leggi anche: Trading Bitcoin: tecnologia SegWit cos’è e a cosa serve

Il capitale del metallo prezioso si dirige verso il bitcoin

Gli analisti di Thomson Reuters, nella loro Gold Survey del 2017 rilasciata a gennaio, hanno notato che i crescenti prezzi di criptovaluta a dicembre hanno deviato notevoli quantità di capitale dai metalli preziosi. Secondo il rapporto, al giorno d’oggi gli investitori al dettaglio hanno un orizzonte di investimento più breve e molti non sono stati in grado di resistere alla tentazione di entrare in contatto con la criptovaluta.

Christopher Louney, stratega di RBC Capital Markets, ha detto di aver notato una potenziale correlazione tra il valore dell’oro e i prezzi della criptovaluta. Mentre non vi era alcuna relazione in precedenza, Louney ha detto che la tendenza è emersa alla fine del 2017 e ha proseguito fino agli inizi del 2018, indicando che il prezzo del bitcoin è salito a quattro cifre, gli investitori avrebbero potuto scaricare oro per comprare criptovalute.

Louney ha sottolineato che la correlazione è minore, non abbastanza da spostare i prezzi dell’oro, e non abbastanza da dire che gli investitori stanno attualmente considerando il bitcoin come sostituto dell’oro. I fattori macroeconomici che hanno tradizionalmente influenzato i prezzi dell’oro continuano a dominare il campo di gioco, come l’andamento del mercato azionario.

Una lunga strada davanti

Bitcoin, oltre ad essere volatile, è ancora una risorsa relativamente sconosciuta rispetto ad altre attività di investimento. L’oro, al confronto, è ben consolidato con gli investitori istituzionali e ha un sacco di liquidità. Mentre i volumi di trading di bitcoin hanno totalizzato recentemente poco più di $ 3 miliardi nel trading giornaliero, i volumi di trading dell’oro hanno raggiunto $ 250 miliardi al giorno, secondo il World Gold Council.

La correlazione bitcoin-oro potrebbe aumentare nel tempo, ha detto Looney. La relazione in evoluzione significa anche che potrebbe verificarsi l’inverso, in cui gli investitori di bitcoin incassano la loro criptovaluta in momenti difficili per l’oro come attività meno volatile. A lungo termine, mentre le criptovalute maturano e si evolvono in una delle principali asset class, Pandl ha detto che le valute digitali come il bitcoin porteranno a rendimenti inferiori ma dimostreranno un alto livello di stabilità, come l’oro e altri beni rifugio.

Il nuovo “oro digitale”

Il bitcoin è una moneta virtuale, scambiata attraverso internet e non soggetta ad alcun controllo: negli ultimi 6 anni, dalla sua creazione, il suo valore è aumentato di 10mila volte. Gli esperti spiegano che ogni utente può crearsi un account e costruirsi il suo portafoglio (chiamato non a caso Wallet), coperto da codici di sicurezza segreti e lunghissimi. In Italia sono nate aziende specializzate nella conversione di Bitcoin.

Ma i bitcoin sono davvero così sicuri? Stando a quanto è avvenuto negli ultimi sei anni, ciò che è certo è che sono stati un formidabile metodo di guadagno. Basti pensare che un bitcoin, nell’aprile 2012, aveva un valore di 5 dollari, mentre il suo valore alla giornata di ieri era di $ 10.802. In altre parole: comprare 100 bitcoin, cinque anni fa ci sarebbe costato 500 dollari, mentre a rivenderli oggi incasseremmo circa 930mila dollari.

Quello che però è insidioso, è la volatilità proprio del valore di questa moneta, che può variare di svariate centinaia, se non migliaia di dollari in pochi mesi o addirittura in pochi giorni. L’assenza di regolamentazione in merito mette inoltre a rischio il risparmiatore per quanto riguarda la perdita o il furto della moneta, il fallimento delle piattaforme di scambio o altre potenziali attività criminali.

Leggi anche: Criptovalute news: Dombrovskis fa chiarezza sulla regolamentazione Bitcoin