Lifestyle

Criptovalute news: Dombrovskis fa chiarezza sulla regolamentazione Bitcoin

La Commissione europea ha deciso che i Bitcoin non avranno alcuna regolamentazione prima del 2019. Si aspettano infatti le considerazioni del G20 del prossimo luglio per programmare un piano efficace, inserendo le criptovalute in un quadro normativo più preciso. É stato Valdis Dombrovskis, il vicepresidente della Commissione Europea, ad affermare quale sarà il nuovo futuro delle monete digitali: “l’unione europea continuerà a monitorare questi mercati con gli altri ‘stakeholder’ sia a livello europeo che a livello internazionale. Siamo pronti ad agire sulla base della valutazione dei rischi e delle opportunità”.

Il settore delle criptovalute costituisce oggi il 5% del totale negli scambi in euro. E visto che la percentuale continua a crescere, la commissione europea deve verificare l’attuazione di norme e regolamentazioni a livello europeo da un lato, mentre dall’altro dove tener conto dei mercati finanziari internazionali, come quelli asiatici, che hanno mostrato l’intenzione di dare una regolamentazione ufficiale alle monete digitati.

Leggi anche: Trading Bitcoin: tecnologia SegWit cos’è e a cosa serve

Rischio d’investimento

L’Europa ha dovuto riconoscere le potenzialità della tecnologia blockchain, quindi: “Per restare competitiva l’Europa deve incorporare questa innovazione”, ha dichiarato con fermezza Dombrovskis, in quanto le criptovalute sono diventate oggetto di una “speculazione considerevole e ciò espone consumatori e investitori a rischi sostanziali incluso il rischio di perdita dell’investimento”.  Inoltre esistono rischi importanti, che l’Europa deve tenere ben presente, mentre  è giusto finanziare le Initial Coin Offerings (ICO), che rappresentano “una opportunità” da valutare con attenzione. Infine la commissione europea è giunta alla conclusione che le criptovalute e i servizi ad essa connessi devono essere regolamentati sia a livello di ogni singola nazione, sia a livello globale incluso nella comunità europea. Di conseguenza gli asset delle monete digitali, visto che presentano rischi di riciclaggio di denaro proveniente da attività illecite, potrebbe gravare non poco sulla normativa finale che si deciderà dopo il G20.

Eppure la corsa sfrenata del Bitcoin non accenna a rallentare, rappresentando per molti il business del futuro. Il valore delle azioni sale costantemente, nonostante abbia registrato alcuni picchi in ribasso.

Leggi anche: Monete digitali: dopo il Bitcoin arriva il criptoeuro

bitcoin-criptovaluta-euro
Osservatorio e Forum

Questo mese è stato oltremodo importante perché ha inaugurato l’Osservatorio e Forum su blockchain e bitcoin, grazie al sostegno del parlamento europeo.

“L’Osservatorio metterà l’Europa in condizione di utilizzare al meglio opportunità, competenze e leadership così da avere tecnologie d’eccellenza”. Queste le parole di commento del Director General DG Connect Roberto Viola, segno che l’Europa sia avvia verso un nuovo percorso improntato sull’attenzione e lo sviluppo delle nuove tecnologie, compreso l’ambito finanziario.