principe-carlo-follie

Carlo d’Inghilterra: le follie di un principe spendaccione

Quando decidiamo di fare una gita fuori porta o trascorrere un week end da amici, pensiamo che sarebbe bello portare con noi tutto quello che ci fa comodo e che utilizziamo abitualmente ogni giorno, senza dover rinunciare alle nostre abitudini. Purtroppo non è sempre possibile, anzi sarebbe proprio impossibile portare tutto, ma il principe Carlo e sua moglie Camilla hanno risolto il problema, una storia che ha dell’incredibile.

Lo rivela Tom Bower, un giornalista noto per biografie non autorizzate che scrive del principe Carlo, dipingendolo in un’immagine di un uomo capriccioso ossessionato dall’opinione pubblica di lui, la cui spesa generosa rivela un monarca completamente separato dalla vita della gente comune.

Leggi anche: Consigli per diventare ricchi: Robert Kiyosaki e i libri del successo

La biografia non autorizzata del principe Charles

Il Rebel Prince di Tom Bower, ha rivelato alcuni passaggi del testo, che racconta, di tutto, delle sue pretese e manie. Afferma di quando Carlo prima di trascorrere un fine settimana da amici nel nord-est dell’Inghilterra, porta con se, spedito in anticipo su un tir, il proprio letto con materasso ortopedico, lenzuola e coperte e per le sue manie sulla pulizia anche il sedile della toilette, i rotoli di carta igienica, whisky, acqua e cibi preferiti (Carlo si fa servire solo i prodotti biologici che lui stesso coltiva), oltre che due quadri di paesaggi scozzesi.

La biografia racconta anche che Charles fece un viaggio sul treno reale da Highgrove a Penrith per visitare un pub, un viaggio che costò £ 18.916; in un altro momento, il principe si sarebbe lamentato nel suo diario dopo aver volato Club Class a Hong Kong in un’aereo della British Airway noleggiato: “Mi ci è voluto un po’ di tempo per capire … che non era di prima classe! anche se mi chiedevo perché il posto sembrava così scomodo. Questa è la fine dell’Impero, sospirai tra me e me.”

Bower, che ha precedentemente scritto biografie non autorizzate di nomi, tra cui Tony Blair, Richard Branson e Mohamed Fayed, afferma di aver intervistato più di 120 persone per la sua biografia di Charles, che sostiene che “è ricorso alla macchinazione e alla manipolazione dei media per ripristinare la sua posizione” dal 1997. Il principe, scrive Bower, “presiede al centro di una corte senza un posto per la democrazia o le visioni dissidenti … come un signore feudale”.

L’esercito di dipendenti di Charles

Bowers sostiene di avere più di 120 dipendenti – include tre fanti per accompagnare i visitatori nel suo ufficio, “ciascuno responsabile di un breve segmento di corridoio”; quattro camerieri per aiutarlo a cambiare i vestiti fino a cinque volte al giorno; si vanta di non usare pesticidi e diserbanti nella tenuta che circonda la casa, ma quattro giardinieri su un rimorchio lentamente trainato da una Land Rover tolgono continuamente le erbacce, e alcuni servitori indiani sono incaricati di catturare lumache di notte con le torce. 

Carlo viaggia con un maggiordomo, due valletti, un cuoco, un segretario privato, un dattilografo e le guardie del corpo, oltre all’autista, e ha al proprio servizio un centinaio di persone nelle sei residenze di cui dispone. 

principe-carlo-follie

Leggi anche: Miliardari, Forbes stila la classifica annuale degli uomini più ricchi del mondo

Charles è ossessionato dall’opinione pubblica

Charles è ossessionato dall’opinione pubblica, sostiene Bower, che una volta ha scagliato un piatto della cena per terra dopo aver appreso dei suoi bassi voti. Scrive Bower, che Charles aveva l’abitudine di lanciare oggetti alla radio quando infuriato da qualcosa … Il set era sempre in riparazione.

Il libro descrive anche un incontro tra il principe e Peter Mandelson, durante il quale l’ex ministro Blairide avrebbe detto a Carlo che il pubblico pensava che fosse “piuttosto cupo e scoraggiato”, che aveva “un effetto smorzante” sull’opinione che avevano di lui. Dopo che Mandelson se ne fu andato, implorò Camilla: “È vero? È vero?”. “Non credo che nessuno di noi possa farcela a fare questa domanda più e più volte”, scrive Bower. Sulla scia della morte di Diana, scrive Bower, Charles fu “paralizzato dal senso di colpa”, cantando: “Mi incolperanno tutti, vero? Il mondo impazzirà completamente.”

Il suo ritratto è di un uomo scontento del suo destino. Se la temperatura del suo studio non è quella da lui stabilita può urlare molto forte :”anche il mio ufficio non ha la temperatura giusta. Perché devo sopportare questo? Rende la mia vita così insopportabile”, dice il principe a un assistente.

Gli eccessi di Charles

Bower afferma che  il miliardario turco Cem Uzan avrebbe pagato £ 200.000 per la moglie per sedersi accanto al principe a una cena nel 2000, e  il magnate del petrolio, Armand Hammer, ha speso circa 40 milioni di sterline per diversi anni per le opere di beneficenza e le spese personali di Charles, nel tentativo di riabilitare la propria immagine pubblica.

Rebel Prince affronta anche la relazione di Charles con i suoi figli, con Bower sostenendo di essere preoccupato che il pubblico sia più interessato a Prince William e Kate Middleton che a se stesso, oltre a preoccuparsi del suo futuro ritratto sulle monete quando diventerà Carlo III. Secondo Bower, Charles era preoccupato che il ritratto originale “mostrava i suoi capelli radi e rifletteva la sua età” e “pretendeva che fosse mostrato con una chioma piena e notevolmente più giovane. La versione rivista è stata più soddisfacente.” 

Insomma rivelazioni che raccontano, delle sue pretese e manie. Se Carlo d’Inghilterra è davvero come lo descrive la biografia (non autorizzata) Rebel Prince: The Power, Passion and Defiance of Prince Charles a firma del reporter investigativo Tom Bower, allora ci sarebbe davvero da augurarsi, per il popolo inglese, che quest’uomo incapace di morbidezze non salga mai al trono.

Leggi anche: Soldi e felicità: quanti soldi servono per essere felici

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.