google-vieta-7domande

Colloquio di lavoro: Ecco le 7 domande che Google ha vietato ai colloqui

Con ottimi vantaggi e benefici, un’ottima retribuzione e un elevato livello di soddisfazione sul lavoro, lavorare per società come Google, Apple o Facebook è senza alcun dubbio un sogno per moltissime personeNe consegue perciò la necessità di scremare gli aspiranti dipendenti, per poter selezionare il meglio all’interno della moltitudine che cerca di ottenere un posto di lavoro presso l’azienda. Durante i colloqui di lavori, questa dura selezione viene sviluppata anche attraverso la somministrazione al candidato di domande piuttosto strane, per non dire assurde! Gli intervistatori tendono a fare richieste o porre domande particolari, per vedere come si comporta il potenziale dipendente in condizioni di stress, o per capire se egli sia in grado di effettuare valutazioni pertinenti in poco tempo.

colloqui di lavoro di Google sono famosi per la loro difficoltà ed originalità, con domande che spesso servono a mettere alla prova il pensiero critico e laterale dei candidati. Le domande di Google, dunque, sono un po’ il terrore dei candidati perché, come è facile immaginare, non rendono facile il fatto di superare il colloquio ed essere assunti. Capita anche, però, che sia la stessa azienda di Google a ritenere che dare la risposta a certe domande può rivelarsi effettivamente molto duro. Il motivo? Ogni volta che venivano poste ai candidati, la risposta era una vera e propria scena muta.

Per questo motivo e per evitare di sovraccaricare i candidati di ulteriore stress ed ansia, Google ha deciso di non fare più 7 domande ritenute quasi impossibili. Ecco, dunque, una lista delle 7 domande impossibili che Google non fa più ai colloqui di lavoro. Mettetevi alla prova cercando di dare la risposta. Alcune di esse ne prevedono una giusta, altre più di una. In fondo all’articolo, però, vi riportiamo anche alcune delle risposte.

Leggi anche: Google Mobile First in Italia: cosa cambia per la visibilità online delle aziende

Google e le 7 domande impossibili

  1. Sei il capitano di una nave di pirati e il tuo equipaggio deve votare il modo con cui dividere il tesoro. Se meno della metà dell’equipaggio è d’accordo con te, morirai. Come lo dividi in modo da avere la tua parte e da sopravvivere allo stesso tempo?
  2. Perché i tombini sono rotondi?
  3. Quanto costerebbe lavare tutte le finestre di Seattle? Dai una risposta precisa come 10 dollari a finestra, una risposta precisa è meglio di una stima approssimativa.
  4. Un uomo ha spinto la sua auto fino a un hotel e ha perso i suoi averi. Che cosa è successo?
  5. Quante volte al giorno si sovrappongono le lancette dell’orologio?
  6. Spiega a tuo nipote di 8 anni che cos’è un database, usando solo tre frasi.
  7. Se l’orologio segna le 3:15, quanto misura l’angolo tra la lancetta dei minuti e quella delle ore?

Leggi anche: Scheda Google My Business con informazioni accurate: perché è importante per la tua azienda

Ecco alcune risposte

Risposta domanda 1
Un’opzione è quella di dividere il tesoro in parti uguali con il 51% dell’equipaggio.
Risposta domanda 2
Se fossero quadrati e posizionati sul buco con angolazione errata non servirebbero a nulla.
Risposta alla domanda 5
Si sovrappongono 22 volte.
Risposta alla domanda 7
Un orologio corre lungo 360° e per ogni ora c’è una rotazione di 30°, alle 3:15 la lancetta dei minuti è sul 3 mentre quella delle ore è a 1/4 di distanza tra il 3 e il 4, quindi se moltiplichi 30° per 1/4 il risultato è 7,5°.

Le aziende non hanno le idee molto chiare su come selezionare. Conducono colloqui impossibili affinché i candidati possano dimostrare di saper agire in condizioni di grande difficoltà, imprevisti, reazioni inattese, persino fuori dai canoni comuni della logica. Le aziende vogliono di più. Solo che di preciso non sanno nemmeno loro cosa. Per questo, nel dubbio, fino a quando non lo capiscono davvero, fanno ai loro candidati domande impossibili. Per fortuna Google si è reso conto che alcune domande risultavano incredibilmente difficili e contorte. E voi, che cosa avreste risposto a queste domande?

Leggi anche: Google investe nelle Start Up per migliorare il suo Assistant

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.