Guide

Come trovare lavoro con Linkedin in poche mosse

Creare un’identità su Linkedin

Durante il 2017 Linkedin ha festeggiato il raggiungimento dei 500 milioni di utenti attivi in tutto il mondo. Di questi ben 10 milioni attivi in Italia e Milano è risultata essere la quinta città al mondo per numero di connessioni. Questi dati rendono bene l’idea di quanto sia importante far parte di questo social.
Quando ci si iscrive a questo servizio online è consigliato utilizzare il proprio indirizzo email principale, in quanto Linkedin offre la possibilità di caricare la sua rubrica per trovare i contatti eventualmente già iscritti. È importante utilizzare comunque una mail il cui nome utente non crei imbarazzi. Linkedin è una vetrina: ogni dettaglio può essere determinante.
Prima di continuare con gli altri step è molto importante avere le idee chiare sul tipo di lavoro di cui si è in cerca, andando oltre i soliti schemi. Per esempio un laureato in filosofia potrebbe cercare un lavoro presso una scuola privata, ma deve sapere che il suo titolo è molto apprezzato dalle software house che vogliono assumere nuovi programmatori. Ad attirare è l’abilità nel ragionamento che quegli studi hanno fornito.
Leggi anche: Reid Hoffman, dalla laurea in fisolofia a LinkedIn

trovare-lavoro-con-linkedin-4
Conoscere e farsi conoscere

Il profilo è l’arma in più a disposizione di chi è in cerca di un lavoro. Così come l’abbigliamento è fondamentale quando si va a un colloquio di lavoro, anche la qualità del profilo Linkedin è importante. La prima impressione è quella che conta non è solo un modo di dire. Infatti è scientificamente provato che tutti formano una propria opinione sugli altri nei primi secondi in cui vengono a contatto.
La fotografia è visibile a tutti, quindi è meglio curarla bene. Un’espressione sorridente e un’immagine tecnicamente valida sono i tre punti imprescindibili. Vanno poi inserite le eventuali esperienze professionali precedenti e le conoscenze, gli skill, di cui si è in possesso, compresi quelli che non riguardano direttamente l’ambito di lavoro.
Creare una rete di contatti è uno dei punti chiave per trovare un nuovo lavoro con Linkedin. Cercare tra i contatti dei propri amici, mettersi in collegamento con le ditte che offrono il tipo di lavoro che interessa, costituisce la vera essenza del mondo social. Più una rete è grande maggiori saranno le possibilità di trovare lavoro.
Leggi anche: Le professioni più richieste del 2017

Gli altri strumenti di Linkedin

Come tutti i social anche Linkedin possiede una propria app da installare sullo smartphone o sul tablet. Avere a portata di mano un dispositivo che consente di rispondere rapidamente alle offerte di lavoro può risultare essere decisivo. Oltre ad aspettare un’offerta ci sono altri strumenti da utilizzare che possono aiutare a farsi conoscere.
I datori di lavoro prestano molta attenzione ai gruppi tematici di Linkedin. Rappresentano un valido aiuto per comprendere gli interessi dei candidati, le loro competenze linguistiche e sociali e il livello di conoscenza di determinate materie. Anche Slideshare è entrato nel mondo Linkedin e viene utilizzato per fornire ai candidati la possibilità di esporre le loro idee in modo chiaro.
Learning è uno strumento dedicato a chi vuole costantemente aumentare le proprie competenze e il numero di skill pubblicati. C’è chi cerca dei collaboratori per realizzare degli specifici progetti, a loro disposizione c’è Profinder. Linkedin fornirà all’azienda una serie di contatti che in base ai loro skill potrebbero essere utili al progetto. Per questo motivo il farsi trovare pronti e con le competenze giuste è essenziale.
Leggi anche: Come diventare un imprenditore di successo