Lifestyle

I consigli e le App per fotografare l’eclissi di Luna

Stasera, 27 luglio, ci sarò l’eclissi lunare, un avvenimento astronomico che lascerà tutti con il fiato sospeso.

In realtà, quello che avverrà esattamente tra le 19 e le 23 sarà un fenomeno molto particolare, per originalità e durata.

Innanzitutto: cos’è un eclissi lunare? Si tratta di un evento astronomico, molto spesso visibile anche ad occhio nudo, che avviene quando un pianeta (o un satellite) si posiziona in mezzo ad una fonte di luce (come il sole), proiettando sul secondo la sua ombra.

L’eclissi lunare avviene proprio quando la Terra si trova in mezzo al sole e alla luna. Proietta la sua ombra su quest’ultima, e a seconda della posizione può essere parziale o totale.

Leggi anche: Superluna, Luna Blu e Luna di sangue. Il 31 gennaio lo spettacolo astronomico più straordinario

scoperta caverna sulla luna

La Luna Rossa

Quella che avverrà stasera sarà ancora più particolare del solito perché avverrà il fenomeno della Luna Rossa, o anche chiamato Luna di Sangue.

Per l’effetto secondo cui la Terra filtrerà dai raggi solari una luce rossastra, la Luna stessa ne assumerà il colore offrendo così uno spettacolo magnifico.

Nell’era della rivoluzione tecnologica e della condivisione, come filmare al meglio questo straordinario spettacolo della natura?

Leggi anche: Jeff Bezos: Blue Origin e il piano per colonizzare la Luna

acqua sulla luna

I consigli del fotografo Noton

In nostro aiuto arrivano esperti fotografi come David Noton (da tuttotek.it), il quale offre qualche consiglio di forma, facilitando l’operazione.

Innanzitutto sono necessarie due App (e cos’altro!): Photographer’s Ephemeris dà informazioni sugli orari in cui la luna sorge e tramonta, mentre Photopills ne fornisce l’esatta posizione nel cielo dal quale la stiamo guardando.

Un consiglio è quella di immortalarla quando è bassa, così da poter inquadrare anche qualcos’altro nell’orizzonte per capire effettivamente quali sono le sue dimensioni.

Un treppiede è fondamentale se si desidera un’immagine nitida, ma soprattutto ferma. Inoltre è importante regolare la velocità dell’otturatore in base al focus sul satellite inquadrato.

La macchina fotografica che utilizzerà Noton? Una Canon EOS 5D Mark IV, con obiettivo EF 200-400mm f/4L IS USM Ext. 1.4x. Prendete nota.