combattere-stanchezza-lavoro

Crescita professionale, come combattere la stanchezza al lavoro

Quante volte vi è capitato di bloccarvi davanti allo schermo del vostro computer a causa della stanchezza accumulata durante la giornata oppure la sera prima? Può capitare a tutti di avere momenti in cui le energie vengono meno ma se questa situazione si verifica all’inizio della giornata lavorativa non è mai facile portare a termine le ore di lavoro in modo adeguato. La stanchezza spesso può portare ad errori e a scelte sbagliate e per questo bisogna fare molta attenzione per evitare di fare sbagli che potrebbero incidere in modo importante sul nostro lavoro. Periodi di grande stress, un cambio di stagione o momenti di grandi carichi di lavoro possono essere alcuni dei fattori che incidono sulle prestazioni e sulle energie in ufficio. Non sempre è facile rimanere concentrati e attivi ma ci sono alcuni metodi per combattere la stanchezza che a volte ci colpisce e portare a termine la nostra giornata lavorativa con successo. Si tratta di piccoli accorgimenti o metodi d’azione che ci possono consentire di ottimizzare al meglio le poche energie che abbiamo, evitando di “collassare” davanti al monitor del nostro pc con uno sguardo perso nel vuoto, magari sognando un soffice cuscino. Abbiamo raccolto alcuni di questi consigli e ve li proponiamo qui di seguito.

Leggi anche: Lavoro: 20 buone abitudini per una carriera di successo

Eliminare le fonti di distrazione ed iniziare sempre dai compiti più difficili

Il mondo del lavoro non da molti margini per sfuggire alle proprie mansioni: che si tratti di lavori difficili o più semplici, tutti vanno portati a termine e per questo in certe situazioni, specialmente quando siete stanchi e affaticati, è meglio partire dai primi e portarli a termine con priorità. Se siete stanchi infatti, il vostro grado di attenzione non sarà dei migliori e cominciare dai più facili solo perché vi paiono più congeniali vi farà arrivare a quelli più difficili con un grado di energia ancora più basso. Vi sembrerà di dover scalare una montagna a mani nude e di certo non vi stimolerà a portarli a termine. Cercate poi non tenere vicino a voi fonti di distrazione, come ad esempio il cellulare: se siete stanchi sarà più facile che siate svogliati e che cerchiate di evadere e di non focalizzarvi sulle vostre mansioni lavorative così il telefonino e i social network potrebbero essere il primo rifugio. Tenete in tasca il vostro smartphone, concentratevi e raggiungete gli obiettivi quotidiani con qualche sforzo in più, senza distrarvi e allungare i tempi di lavoro.

Fare pause brevi ma frequenti e curate l’alimentazione

Secondo alcuni esperti, fare una pausa di 5 minuti ogni 50 di lavoro è una buona prassi che aumenta sensibilmente la produttività. Fare pause brevi ma frequenti vi permetterà di staccare un attimo dal lavoro, recuperare energie magari facendo due chiacchiere con un collega o prendendo un caffè e di tornare in ufficio con uno spirito nuovo e più propositivo. Anche l’alimentazione gioca un ruolo molto importante: ricordatevi di bere sempre molto durante la giornata visto che anche la disidratazione può essere causa di stanchezza. Attenzione poi ai pasti, evitate panini e sandwich e pranzate in modo leggero, magari con alimenti che contengono proteine complesse, carboidrati e verdura a foglia verde.

Leggi anche: I 10 migliori siti per trovare lavoro come freelance

CONDIVIDI
Gianluca Sepe
Giornalista pubblicista classe 1991. Laureato in Sviluppo e Cooperazione Internazionale, inizia a scrivere per passione per poi trasformarla nel suo lavoro. Con la penna o con la tastiera, è sempre pronto a raccontare il mondo digitale che cambia intorno a noi. Terribilmente malato per lo sport.