Lifestyle

Criptomonete 2018: Vechain, cos'è e dove viene applicata

Le criptovalute sono l’affare del secolo. Dopo il successo ottenuto dal Bitcoin, le monete digitali hanno avuto campo libero e il loro valore cresce costantemente.

Quale scegliere? Quali sono i margini di guadagno e dove è più proficuo investire? Le monete virtuali vanno studiate e comparate tra loro.

Per sapere di cosa stiamo parlando bisogna conoscerle tutte, motivo più per introdurre una delle meno conosciute: la criptovaluta Vechain.

Leggi anche: Nuove criptovalute 2018: le 5 top alternative al Bitcoin

Vechain: cos’è

Vechain è una criptovaluta che, nata da circa due anni, si impegna nel creare un sistema, all’interno di imprese, più trasparente possibile. Punta quindi alla implementazione di informazioni e trasferimento di valori ad alta velocità.

Col tempo la piattaforma blockchain attiva si è aggiornata e migliorata, creando al suo interno un nuovo e più funzionale riadattamento strategico.

Il team di Vechain collabora con numerosi partner commerciali ed esperti appassionati al settore. Il gruppo ha dichiarato che: “abbiamo accumulato molta esperienza in casi di utilizzo aziendale per diversi settori e continuiamo ad adattare e apportare correzioni durante il processo in modo da poter continuare a cercare la maniera giusta per utilizzare questa “tecnologia segreta” che potrebbe cambiare il mondo. La visione originale non è mai stata cambiata. Il sogno è sempre lo stesso di prima”.

Leggi anche: Valute virtuali, ecco come cambia il mercato: la sfida al Bitcoin è aperta

Vechain: piattaforme ed utenti

Coloro che concorrono alla creazione del sistema creato da Vechain sono molteplici e numerosi, tutti per fornire la miglior assistenza ai clienti investitori. Le monete digitali si danno battaglia, per questo la concorrenza è spietata. Dopo i Bitcoin l’atteggiamento di emulazione si è propagata in maniera esponenziale. Sono poche le criptovalute di successo, rimaste a galla. Tra queste Vechain rappresenta una vittoria, data la capacità gestionale e il proficuo lavoro del team che sta dietro la sua creazione.

In primo luogo si parla di un’ottima organizzazione aziendale, strutturata per fornire un accurato servizio ai clienti.

L’ecosistema Vechain si basa anche su un ottimo Application Service Provider: si tratta di un programma specifico che offre servizi e soluzioni basati appunto sulla blockchain della moneta Vechain.

Esiste infatti anche un Provider di nodi, che garantisce un blocco per la protezione e la sicurezza globale di tutta la rete che utilizza transazioni tramite Vechain.

Esiste anche uno Smart Contract Service Provider, che sviluppa i cosiddetti contratti intelligenti su tecnologia Vechain. Questi contratti servono per personalizzare le prestazioni verso l’utente finale e incoraggiare l’utilizzo di Vechain su maggiori applicazioni.

Infine si guarda alla Fondazione Vechain, che permette le responsabilità per la Blockchain, favorendone lo sviluppo necessario ad aggiornarsi castamente e aumentare, di conseguenza, efficenza ed efficacia.

Tutti i punti suddescritti concorrono alla soddisfazione dell’utente finale. Quest’ultimo infatti è colui che può decidere se investire o meno in Vechain. La sua scelta si baserà soprattutto sulla condivisione dei profitti dell’intero sistema imprenditoriale.

Leggi anche: Moneta virtuale italiana: furto da 200 milioni di dollari

I settori di applicazione

I settori in cui può essere applicata la Vechain sono molti, e diversificati. Si passa dalla mobilità con il progetto di collaborazione Visco e Microsoft, che insieme Renault, hanno ideato un piano per la guida ecologica a 360 gradi. All’agricoltura, per sviluppare una nuova e performanti Blockchain per verificare prodotti biologici insieme a PwC, China Unicom e Liaoning Academy of Agricultural Sciences. Infine la moda e il luxury: Vechain è una delle critpovalute che offre servizi sull’autenticità dei prodotti di alta gamma in modo tale da garantire ai clienti originalità e manifattura di altissima qualità.

Insomma un mondo al di fuori del Bitcoin esiste. Basta conoscerlo.

Leggi qui: Monete digitali: dopo il Bitcoin arriva il criptoeuro