Start Up & Imprese

E-commerce: Cina, chi sono i principali concorrenti di Alibaba

Nel mercato globale Alibaba è ancora molto amato, soprattutto a Wall Street dove di 39 analisti tracciati da FactSet che coprono il titolo, tutti e 39 lo considerano un acquisto. La media del target price è di 234.62,36 dollari, il 36 percento sopra i livelli attuali. Secondo le previsioni di eMarketer Alibaba si aggiudicherà la più grossa fetta dell’intera torta del mercato eCommerce cinese, ossia circa il 58%, seguita dal 16% di JD.com.

Alibaba è cresciuta fino a diventare una delle più grandi e preziose società di e-commerce del mondo. Infatti, il primo giorno di trading, Alibaba ha eclissato sia Amazon che eBay. Alibaba.com è una piattaforma di eCommerce per le piccole aziende, ed è il cuore dell’impero dell’Alibaba Group. Mette in contatto milioni di acquirenti e fornitori in tutto il mondo, aiutando le piccole aziende a trovare aziende manifatturiere, esportatori e grossisti. I venditori offrono ogni prodotto immaginabile sul suo sito. Puoi trovarci indumenti, prodotti elettronici, cosmetici, prodotti per l’agricoltura e il cibo, ricambi di apparecchi industriali e utensili. Ogni giorno, acquirenti e venditori si scambiano circa 100000 messaggi.

Alibaba genera entrate principalmente da commissioni di vendita, servizi di evasione ordini, spese pubblicitarie e altre commissioni basate sui servizi, comprese quelle dalla sua piattaforma di pagamento online, Alipay. Nel Marzo 2018, Alibaba ha registrato $ 39,9 miliardi di entrate. Le operazioni interne di e-commerce della società hanno rappresentato il 75,7% delle entrate, mentre le operazioni internazionali di e-commerce hanno contribuito solo all’8,4%. Il restante 15,9% è stato generato dalla sua attività di cloud computing, media digitali e altre operazioni.

ecommerce-alibaba-group-

Chi è il principale concorrente di Alibaba

Uno dei principali concorrenti di Alibaba nello spazio e-commerce è JD.com, un rivenditore di vendite dirette nello stampo di Amazon, che si classifica al secondo posto. Il rivenditore cinese online JD.com sta colmando il gap del leader di mercato Alibaba Group Holding ttraverso una forte logistica interna, aumentando le vendite durante una recente promozione che si avvicina al rivale durante lo shopping online dello scorso anno.

JD.com riceverà un investimento di 550 milioni di dollari da Google nell’ambito di una partnership strategica vista in gran parte come un tentativo di resistere a giocatori dominanti come Alibaba e Amazon.com. L’infusione in contanti della società tecnologica statunitense dovrebbe migliorare la già formidabile esperienza di logistica e supply chain di JD.com, cosa che ha aiutato il secondo venditore elettronico online della Cina a mantenere tempi di consegna rapidi. Anche se la differenza di lunghezza ostacola i confronti diretti, quest’anno le vendite di JD.com hanno sorpassato il bottino della compagnia di 127,1 miliardi di yuan rispetto alla promozione del Singles Day dello scorso anno – e hanno raggiunto quasi il 90% della quota di Singapore di 168,2 miliardi di yuan di Alibaba.

Alibaba deteneva una quota del 53% nel mercato dello shopping online rivolto ai consumatori lo scorso anno, quasi invariata rispetto a cinque anni fa, mentre JD.com è salita al 33% dal 22% nello stesso periodo, dice il Centro di ricerca e-commerce cinese. JD.com trae forza dalla gestione in gruppo di tutto, dall’approvvigionamento dei prodotti alla logistica. Alibaba esternalizza il servizio clienti e le operazioni logistiche, al contrario, e le attività commerciali che utilizzano il suo centro commerciale virtuale gestiscono la propria catena di approvvigionamento.

Leggi anche: Alibaba: Jack Ma andrà in pensione, si ritira dalla compagnia

Una rete di circa 500 magazzini cinesi consente a JD.com di ottenere il 95% o più dei prodotti per i clienti entro 24 ore e il 57% entro sei ore. Questa attualità è molto elogiativa rispetto ad Alibaba, che offre la consegna in 24 ore come regola generale, ma i cui prodotti “arrivano spesso molto tardi”, come diceva uno studente universitario di vent’anni. L’azienda utilizza l’intelligenza artificiale per aiutare con compiti come gestire i reclami dei clienti. L’obiettivo è utilizzare l’intelligenza artificiale e altre tecnologie avanzate per rivoluzionare ulteriormente l’e-commerce, ha affermato il CEO Liu Qiangdong, noto anche come Richard Liu.

JD.com gode del sostegno dei consumatori per il suo servizio di consegna a domicilio di alta qualità, ha affermato Xu Xiangdong della China Market Research and Consulting di Tokyo. Probabilmente il rivenditore online si propone di essere una società più completamente commerciale rispetto ad Alibaba, per cui le tasse del venditore e la pubblicità forniscono reddito, ha aggiunto Xu.

ecommerce-alibaba-group-

Leggi anche: Richard Ginori: annuncia il proprio ingresso in Francia con un e-commerce dedicato

Concorrenti internazionali

Amazon e Alibaba, i due grandi giganti dell’industria e-commerce competono l’uno contro l’altro per vincere la corona del leader del mercato globale dell’e-commerce.Amazon ha posto la prima pietra nel 1995 come libreria online mentre Alibaba ha iniziato la sua avventura nel 1999, quasi cinque anni dopo la fondazione di Amazon. Ora che entrambe le società hanno stabilito una forte presenza di marchi nei loro territori d’origine, c’è una forte concorrenza tra questi due giganti della tecnologia che stanno cercando nuovi mercati in cui espandersi.

I due titani di e-commerce hanno molte caratteristiche in comune. Una parte importante delle entrate di Amazon proviene da prodotti elettronici, merchandise e contenuti multimediali digitali (tra cui Amazon Prime, una sottoscrizione annuale basata su commissioni che trasmette contenuti video e altri servizi digitali di tendenza).

D’altra parte, Alibaba opera su una serie di siti di e-commerce destinati a diversi tipi di venditori. Il Taobao di Alibaba è uno dei mercati più redditizi del gruppo Alibaba ed è responsabile di oltre l’80% delle vendite di Alibaba. Anche se le modalità di funzionamento di entrambe le società sembrano simili a prima vista, sono piuttosto diverse. Alibaba non è coinvolta nelle vendite dirette e non possiede magazzini come Amazon. Semplicemente aiutano le piccole imprese e i produttori di marca a raggiungere i consumatori. Amazon opera su una piattaforma online gestita che sembra simile a un negozio tradizionale ma rimane online. Esercita il controllo sull’esperienza del cliente. Amazon ha già riconosciuto il fatto che per competere con Alibaba in Cina, è necessario investire una grande quantità di denaro e si è allontanato dalla Cina per concentrarsi su altre regioni importanti.

Leggi anche: Logistica: nell’e-commerce la fase di consegna è fondamentale