Lifestyle

Facebook e Google nel mirino del commissario antitrust europeo, Vestager

Margrethe Vestager è un avido utente di Twitter che ama pubblicare foto di fiori e paesaggi urbani dalla sua nativa Danimarca. Il suo account è anche un mezzo per rintracciare i suoi viaggi come principale “poliziotto” antitrust in Europa e “flagello” delle grandi società tecnologiche. Eccola al Parlamento Europeo, poi la troviamo che parla a Washington, ad Harvard e tiene un discorso su “Ted” a New York. Qui sta imponendo una sanzione di 2,9 miliardi di dollari a Google per “abuso della sua posizione dominante sulla ricerca”. Sta “schiaffeggiando” Facebook con una multa per “informazioni errate e fuorvianti quando ha preso il controllo di WhatsApp.” E sta minacciando tasse più alte per Apple e altre società digitali che fanno affari in Europa.

antitrust europeo contro facebook e googleTra monopoli e privacy

Vestager stava esaminando le compagnie tecnologiche molto prima degli ultimi scandali sull’interferenza nelle elezioni russe attraverso i social media e sull’uso improprio dei dati da parte di Cambridge Analytica. Ma ha detto che quegli episodi hanno cambiato molto il contesto. «Proprio come c’è un lato meraviglioso dei big data in una varietà di diversi tipi e modi, c’è anche un lato oscuro – ha detto la commissaria Ue alla concorrenza in un’intervista – E penso che sia stato molto più ovvio». La notizia che Cambridge Analytica ha distribuito dati personali di milioni di utenti di Facebook, senza il loro permesso, al servizio della campagna presidenziale di Donald Trump ha alimentato le preoccupazioni sulla privacy in modo predominante. Vestager ha affermato che, in qualità di consumatore, si preoccupa anche della riservatezza dei dati.

Sotto la lente d’ingrandimento la raccolta di dati

Ma Vestager e con lei gli altri controllori stanno anche guardando da vicino come le aziende tecnologiche sfruttano vaste raccolte di dati per arricchirsi, annullare la concorrenza e esercitare il controllo sui loro utenti. Il valore dei dati è schizzato alle stelle: ad esempio, Facebook ha guadagnato 11,8 miliardi di dollari sulla pubblicità nei primi tre mesi del 2018, in aumento del 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I “cani da guardia” della concorrenza hanno spesso visto le preoccupazioni sulla privacy che circondano dati e tecnologia come indegne della loro piena potenza di regolazione. Tuttavia, poiché sempre più valore è attribuito alle informazioni delle persone, questo atteggiamento sta iniziando a cambiare. L’ufficio federale tedesco per i cartelli sta esaminando se Facebook abbia abusato della sua posizione dominante per obbligare gli utenti ad accettare i suoi termini e condizioni e a consegnare le informazioni che l’azienda ha poi venduto agli inserzionisti. Il caso è limitato a un singolo paese, ma il risultato potrebbe creare un modello da seguire per gli altri.

“I problemi non sono chiari, almeno non ancora”

«I problemi non sono chiari, almeno non ancora», ha detto Vestager. «Seguiamo con interesse ciò che i tedeschi stanno facendo nello spazio tra l’applicazione della legge sulla concorrenza e la privacy». Le crescenti frustrazioni europee con le aziende tecnologiche, molte delle quali americane, sono state messe in luce dall’approvazione del Parlamento europeo, il mese scorso, di un rapporto non vincolante che sosteneva la necessità di rompere il monopolio di Google. Sebbene Vestager abbia detto che ciò non rappresenta molto una sua preoccupazione. Ma molti analisti europei concordano sul fatto che le preoccupazioni relative ai dati potrebbero evolvere in altri problemi di concorrenza. «I dati hanno un tale valore economico. A volte è caratterizzato come materia prima della nuova economia», ha affermato Christopher Kuner, co-presidente del Brussels Privacy Hub presso la Libera Università di Bruxelles. «È difficile vedere come questo non diventerà più importante in futuro. Sembra esserci una crescente preoccupazione per il potere di mercato dei servizi digitali», ha aggiunto. La Commissione europea esamina già se le società che si stanno fondendo potrebbero riunire un volume di dati che chiuderebbe il mercato ai concorrenti.

I dati sono preziosi ma non sono denaro

Vestager ha detto che ha anche diretto i membri della sua squadra per esplorare se il controllo sui dati potrebbe creare una violazione della legge antitrust in generale. Le autorità di regolamentazione antitrust affrontano una serie di sfide nell’affrontare le preoccupazioni dei dati. Può essere difficile assegnare un valore ai dati. Alcuni, infatti, possono essere facilmente condivisi o copiati. E il valore economico di alcune informazioni dell’utente può essere fugace: News Corp. ha acquistato il sito di social networking MySpace per $ 580 milioni nel 2005, solo per venderlo per $ 35 milioni sei anni dopo. «I dati sono di per sé preziosi e le persone lo danno in cambio di servizi», ha dichiarato Alec Burnside, avvocato dello studio legale Dechert di Bruxelles che ha preso parte ai reclami antitrust contro Google. «Penso che abbiano torto nel credere che i dati debbano avere tutte le caratteristiche del denaro».
Leggi anche –> Criptovalute, Facebook apre una divisione blockchain