hi-tech

Hi-Tech, ecco i successi e i flop di questo 2017

Hi-tech, la nostalgia di Nintendo e Super Mario

Il 2017 è stato un anno dedicato all’hi-tech: dai nuovi prodotti fino ad arrivare ai vecchi videogame, sul mercato si è visto davvero di tutto. Uno dei successi più clamorosi è stato il ritorno di Super Mario, il videogioco con un idraulico intraprendente pronto a dare tutto per amore. La nuova console Nintendo Switch ha avuto un successo incredibile.

Un prodotto hi-tech in grado di essere usato al televisore, ma anche come console portatile. Schermo da 6” circa e touch screen, un vero concentrato di tecnologia. L’utilizzo di vecchi videogiochi ha sicuramente dato quel tocco di nostalgia: un mix davvero vincente. Non mancano ovviamente le app, per rendere questa console davvero unica.

Ma non solo Nintendo. A quanto pare la nostalgia per gli anni 90 ha colpito anche la National Audio Company, che ha rispolverato le vecchi 799 Studio Master. Musicassette, prodotte anche da un’azienda bresciana, la Music Box. L’ultima moda del vintage, per rispolverare vecchie tecnologie, quelle più rudimentali, che hanno accompagnato la nostra infanzia. Ma ovviamente con un occhio alle produzioni attuali e alle nuove tecniche hi-tech.

hi-tech-2Hi-tech flop, ecco tutti i prodotti che hanno deluso le aspettative

Ma le grandissime aspettative portano spesso cocenti delusioni, soprattutto nell’hi-tech. La stessa Juicero è stata una startup che ha chiuso proprio nel 2017. Qual era il prodotto di punta? Una macchina connessa in rete, pronta a creare un concentrato di frutta. Il prezzo altissimo e il malfunzionamento hanno portato alla chiusura dell’azienda.

Anche il drone Karma ha avuto una caduta fragorosa, ma nel vero senso della parola. Sarà stato il nome troppo azzardato, ma a quanto pare questo drone ha avuto diversi problemi: frequenti gli schianti a terra, dovuti ad un bug del software. Anche il costo, decisamente alto per il mercato dei droni, ha portato ad un fallimento totale.

L’iphone X non è stato un vero e proprio fallimento, ma ovviamente i rumors e tutto ciò che ne concerne hanno portato ad avere un’idea diversa di questo concentrato di tecnologia. Dai software rallentatori al prezzo che ha fatto discutere tutto: in bene o in male, la grandissima azienda di Cupertino ha colpito nuovamente. Con la solita strategia commerciale.

iphone-xLe sorprese e i tonfi del 2017

Come abbiamo visto, tantissimi prodotti hi-tech hanno fatto parlare di sé in questo 2017. Una delle sorprese maggiori riguarda il 5T One Plus, uno degli smartphone più funzionali. Da anni l’azienda continua a creare prodotti a basso costo che permettono di insediare i marchi più noti e anche questo device ha avuto il suo discreto successo.

Una delusione totale riguarda Snapchat e i suoi occhiali da ben 150 euro, gli Spectacles. L’esordio in borsa non è stato dei migliori e l’app che tanto stava facendo parlare di sé ha avuto in crollo notevole. Ma a cosa servivano gli occhiali? A registrare scene di vita social. Il problema è che si potevano usare soltanto con un social network, un grave errore commerciale.

E Google? Il colosso di Mountain View ha sicuramente dato una grandissima svolta con gli auricolari in grado di tradurre simultaneamente in ben 40 lingue, ma c’è stato anche qui un errore di base: funzionano solo con lo smartphone Pixel XL 2, sempre creato da Google. Il 2018, molto probabilmente, sarà utile per poter avere delle idee più compatibili. E più Hi-tech.

Guarda il video: Waverly Labs, niente più barriere linguistiche: ecco gli auricolari che traducono simultaneamente

CONDIVIDI
Paolo Cantulla
Vero, ispirato, innovatore: sono i concetti legati al suo impegno giornalistico. Ormai attivo da anni nel settore, collabora con diverse riviste trattanti tematiche legate al business ed alla tecnologia digitale.