misurare-incquinamento-idrico

Inquinamento idrico: lo smartphone mostrerà se l’acqua è contaminata

Immaginiamo di guardare su un lago o un fiume, magari in un punto panoramico alla fine di un’escursione o semplicemente di sorpassarlo. L’acqua è bella, il sole brilla sulla sua superficie. Forse vediamo dei pescatori nelle vicinanze o degli uccelli che nuotano periodicamente, intingendo i loro becchi. Forse pensiamo di bere un sorso di quell’acqua. Quindi estraiamo lo smartphone e, con uno scatto di foto, possiamo dire che è contaminato. 

Uno strumento del genere potrebbe presto diventare una realtà, e gli astronomi dell’Università di Leida nei Paesi Bassi hanno la loro opinione. Stanno sviluppando un semplice strumento per smartphone che consente alle persone di misurare la qualità delle acque di superficie puntando lo strumento su di esso.

 misurare-incquinamento-idrico

Leggi anche: Un sensore applicato sul dente invierà dati tramite Wi-Fi

Lo scopo principale dello strumento 

Lo scopo principale è quello di avere misurazioni rapide e precise dell’inquinamento dell’acqua che possono essere di grande beneficio per la scienza. 

Questo tipo di dati può orientare le politiche ambientali a livello nazionale. I cittadini possono sapere se la loro acqua potabile è contaminata. I pescatori sono in grado di determinare la qualità delle loro catture e in che modo l’inquinamento potrebbe colpire le popolazioni ittiche locali. L’acqua inquinata può persino determinare modelli migratori umani forzando i pescatori a spostarsi o abbandonare del tutto il loro commercio.

La tecnologia è ancora nelle sue fasi iniziali, e almeno un paio di anni di distanza. La speranza è di combinare la tecnologia dell’astronomia all’avanguardia con la scienza ambientale per creare un dispositivo che sia facile da usare, e sia in grado di misurare con precisione la qualità delle acque superficiali.

I coordinatori del progetto stanno ancora valutando dove avviare il nuovo progetto di misurazione dell’inquinamento idrico in base a dove i dati sono maggiormente necessari. Alcuni posti finora nella short list: il lago Baloton in Ungheria, Loch Leven in Scozia e il lago Tanganica in Tanzania.

“Questi posti sono stati scelti perché i cittadini che prendono parte ai pescatori e ai residenti che vogliono avere acqua potabile buona e pulita beneficiano di un modo semplice e veloce di effettuare misurazioni”, afferma l’astronomo Frans Snik, capo progetto del programma iSPEX, in un comunicato stampa.

misurare-incquinamento-idrico

Leggi anche: Scoperte scientifiche: Viome una tecnologia che migliora la salute

iSPEX il dispositivo precedente

C’è un precedente che ha speranze per i ricercatori. Nel 2013, lo stesso team di astronomi e tossicologi ha sviluppato l’ iSPEX (Spectropolarimeter for Planetary EXploration), un allegato per smartphone che può misurare l’inquinamento atmosferico. iSPEX è un modo innovativo per misurare particelle minuscole nell’atmosfera, o aerosol atmosferici, che contribuiscono all’inquinamento atmosferico e al suo impatto sulla nostra salute e sull’ambiente in un modo ancora poco compreso. 

Aggiungono a cuore le malattie respiratorie, sotto forma di ceneri vulcaniche molto pericolosi, e costituiscono una delle maggiori incertezze nelle nostre attuali stime dei cambiamenti climatici. L’idea è semplice, basta fare un clic su un componente aggiuntivo del proprio iPhone per trasformarlo in uno strumento scientifico, un sensore ottico adatto alla misurazione delle proprietà macro e microfisiche degli aerosol atmosferici.

I cittadini olandesi insieme alle persone nelle città da Atene a Londra, hanno preso migliaia di misurazioni dei particolati nell’aria. Il risultato: una mappa dettagliata delle particelle di polvere sopra i Paesi Bassi e oltre.

La tecnologia alla base dell’attaccamento dello smartphone è in realtà uno spin-off della sofisticata tecnologia astronomica che può dire se l’ossigeno è presente sui pianeti attorno ad altre stelle. Ciò inoltre rinuncia alla necessità di prelevare campioni locali e rispedirli al laboratorio – un processo relativamente costoso che può richiedere molto più tempo.

Leggi anche: Scienza nel 2017 tra vittorie e sconfitte: dai vaccini agli asteroidi, passando per la manipolazione genetica

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.