Lavoro

Lavoro giovani: serve cambiamento per incentivarlo

La questione del lavoro giovanile è un argomento caldissimo, specialmente nel nostro Paese, una delle Nazioni europee con il tasso di disoccupazione più elevato. Scopriamo perché e come, questa piaga, potrebbe essere sconfitta.

Il lavoro per i giovani: una soluzione efficace si trova con un approccio diverso.

Apparentemente sembra una contraddizione, ma in Italia, il fatto che la popolazione sia nello stesso tempo più longeva e più sana, crea problemi per quanto riguarda il lavoro dei giovani. L’insieme della aumento della speranza di vita media, con la spesa in pensioni e sussidi per chi è vicino all’uscita dal mondo del lavoro, è una pietra pesante da sollevare.
Se andiamo a vedere i conti delle pensioni scopriamo che in Italia il totale della spesa pensionistica vale quattro volte quello che viene speso in attività di formazione e ricerca. A questo si aggiungono i vari sussidi che sono destinati a chi è in procinto di lasciare il lavoro, ed anche in questo caso l’importo è quattro volte quello che si spende per preparare i nuovi assunti.
Il confronto rende evidente che questo non rappresenta un bene per il futuro dell’Italia, che deve porre una maggiore attenzione alla strategia attualmente messa in atto, e cambiarla per poter cambiare davvero il Paese.
Leggi anche: Come trovare lavoro con Linkedin in poche mosse

Le riforme delle pensioni ed il lavoro dei giovani

In Italia per quanto riguarda il problema delle pensioni non siamo di certo stati a guardare e negli ultimi 25 anni sono state ben 7 le riforme attuate dai vari governi che si sono succeduti, a partire da quella messa in atto dal governo presieduto da Amato nel 1992.
Nonostante questo e le proteste contro l’ultima delle riforme, la famigerata legge Fornero, secondo quanto è stato indicato nell’ultima legge finanziaria approvata, la spesa del nostro Paese per quanto riguarda le pensioni avrà una riduzione significativa solo dal 2010.
La spesa italiana per le pensioni è oggi la più alta tra quelle dei paesi europei; rispetto alla Germania si tratta di 6 punti di Pil in più, per un valore di circa 90 milioni di euro di possibile risparmio. Questo nonostante i tedeschi abbiano una struttura demografica molto vicina alla nostra ed il loro welfare sia più sviluppato rispetto a quello italiano.
L’approccio dei governi italiani è stato dunque poco o per niente producente, ed ha fatto certamente sviluppare uno scontro generazionale, con i più giovani delle famiglie italiane che sono in molti casi “sovvenzionati” dai pensionati delle stesse famiglie.

Lavoro-per-giovani-serve-svoltaQuali sono i cambiamenti necessari per il lavoro dei giovani

Il primo cambiamento è quello che deve riguardare il mondo del lavoro e quello delle università. Si deve pertanto pensare ad una alternativa sistematica tra studio e lavoro per quanto riguarda i ragazzi, con corsi e stage di formazione, ma nello stesso tempo questo sistema deve essere esteso a tutta la vita lavorativa delle persone.
Un jobs act veramente innovativo potrebbe essere quello che interessa i lavoratori più anziani, in modo da invogliare le aziende a creare dei “tutor” per i giovani, trasferendo così le esperienze. Oltre a questo valorizzare l’esperienza anche con consulenze e volontariato. In Italia le persone occupate tra le ultra 65enni sono il 10%, mentre in Svezia raggiungono il 25%.
Il secondo cambiamento è relativo alle tecnologie; se analizziamo le “interfaccia” esistenti tra persone e macchine si scopre che sono progettate a misura dei giovani, molto più pronti e immersi nella tecnologia, mentre sono proprio i più anziani ad averne maggiore bisogno.
Risulta significativa una operazione portata avanti in un laboratorio di Lucca; mentre i giovani trasmettono le loro conoscenze agli anziani sull’uso delle macchine, questi ultimi cercano di far capire ai ragazzi come dovrebbero essere i computer con i quali poter dialogare senza problemi. Da questo scambio nascono le nuove applicazioni.
Leggi anche: Perché i giovani italiani sono pagati di meno che all’estero?