Guide

Marketing: come cambia nell’era della Gen Z

La generazione dei post-millennial, chiamata comunemente “Generazione Z” o “Gen Z”, è di norma identificata con i ragazzi nati tra la metà degli anni ’90 e l’inizio del 2000. Entro il 2020 costituirà quasi il 40% della base di consumatori negli Stati Uniti ed oltre il 30% in Europa. Per questo motivo gli specialisti di marketing si stanno già sintonizzando sul modo in cui questo gruppo demografico si interfaccia con il mondo e prende – o prenderà – decisioni come consumatori. Gen Z è la prima generazione a vivere l’intera vita nel mondo guidato dalla tecnologia, inaugurato dai suoi predecessori “millennial”. Con oltre il 50% di Gen Z connessi online per un massimo di dieci ore al giorno, rispetto a una media di poco meno di quattro ore per i millennial, è difficile non considerare quanto profondamente e ampiamente la tecnologia tocchi le loro vite. Sono prodotti di un mondo evoluto: influenzati dall’onnipresenza della tecnologia, dividendo la loro attenzione su una media di cinque schermi (smartphone, tablet, laptop, TV, desktop) in qualsiasi momento. Come i primi veri “nativi digitali”, i Gen Z capitalizzano regolarmente questa rivoluzione tecnologica per far avanzare la propria ricerca di esperienze significative alimentate dal desiderio di vivere (e condividere) le loro vite migliori. Stili alternativi di vita e di soluzioni abitative stanno diventando sempre più possibili per la generazione post-millenaria, grazie alla proliferazione e alla sofisticazione sempre crescente della tecnologia che rende possibili ambienti di lavoro flessibili. Infatti, quasi la metà della Gen Z afferma che darebbe la priorità a un’offerta di lavoro che offra mobilità, libertà e flessibilità per lavorare da remoto da qualsiasi luogo. I marketer che cercano di raggiungere Gen Z hanno bisogno di farlo presto, e nei loro canali, per coinvolgerli nel modo più efficace.
strategia di marketing per la gen zLeggi anche: Carriera, dalla pianificazione alla scelta in 4 passaggi

La mentalità unica della Gen Z

La Gen Z non è solo influenzata dal suo “baby boom” e dagli insegnamenti dei predecessori, ma è anche attivamente coinvolta nelle conversazioni dei suoi antenati e nei processi decisionali fin dalla tenera età. L’abbondanza di tecnologia influenza il loro stile di vita, l’impegno e il processo decisionale. Prima di tutto sono sempre in movimento: hanno una quantità senza precedenti di informazioni a portata di mano e sono in grado di digerire e sintetizzarne un’enorme quantità con facilità e velocità. L’asticella per la personalizzazione del servizio e la velocità di consegna è di conseguenza più alta per la Gen Z rispetto alle sue controparti millenarie. Pur essendo abituati a una consegna rapida e tecnologica, un approccio ponderato che contribuisce a costruire una relazione più profonda è fondamentale per conquistare i Gen Z.

Coinvolgere la Gen Z

La relazione della Gen Z con la tecnologia non ha precedenti. Mentre i millennial hanno aperto la strada a questo mondo on-demand di informazioni istantanee e interazioni perpetue, la Gen Z fa un ulteriore passo avanti: per lei è l’unico mondo che abbia mai conosciuto. Ma allo stesso tempo, un’inarrestabile raffica di comunicazioni sin dalla nascita ha permesso alla Gen Z di sviluppare filtri incredibilmente efficaci. Mentre le loro opzioni sono illimitate, il loro tempo non lo è, e la Gen Z possiede una solida comprensione di quali idee valgano la loro attenzione e la loro energia. Il marketing passivo non arriva molto lontano con la Gen Z. Secondo un recente sondaggio sull’advertising online, l’82% di Gen Z salta pubblicità video “il più velocemente possibile”. Per avere un messaggio davvero ingaggiante i marketers si devono concentrare su quello che davvero importa ai giovani della Gen Z. In mezzo alla raffica d’informazioni, questi giovani bramano l’autenticità e il contenuto che rispecchia le loro vite quotidiane e questo si riflette nella loro propensione a favorire le opinioni degli influencer e delle celebrità tradizionali sui social media. In uno studio commissionato da Deep Focus è emerso che il 63% di Gen Z ha ammesso di riferirsi meglio alle persone e alle storie “reali” nelle pubblicità. Il successo delle personalità online è stato costruito sulla loro capacità di creare esperienze intime e genuine, che affrontato con sicurezza importanti questioni sociali come le voci di una generazione.
Gli operatori di marketing, per coinvolgere la Gen Z, non possono fare a meno di una forte presenza digitale e di sviluppare connessioni organiche. Le interazioni regolari con il pubblico della Gen Z sono l’unico modo per stare al passo con le tendenze in rapido mutamento e per fornire loro il contenuto convincente e razionale che desiderano. Vogliono essere coinvolti nel dare forma al messaggio: uno studio di Vision Critical ha rilevato che il 72% di Gen Z apprezza i marchi che cercano il loro feedback.

I valori sociali della Gen Z

La Gen Z è anche una delle generazioni più schiette e socialmente attive della storia, con il 76% che esprime preoccupazione per l’impatto dell’umanità sul futuro del mondo. Per influenzare la Gen Z, i marketer devono promuovere le interazioni attraverso messaggi che sono immediatamente riconoscibili come allineati con i loro valori. Coinvolgere la Gen Z è una battaglia impegnativa, per dividere l’attenzione su ben sei schermi (telefono, indossabili, tablet, laptop, TV, desktop) in micro-interazioni quick-touch che durano a malapena pochi secondi alla volta. Se non li agganci immediatamente, li perdi velocemente.
Mentre la Generazione Z continua a crescere e ad impegnarsi con il mondo, i suoi canali di go-to probabilmente si evolveranno. I marketer avranno un impatto più a lungo termine se rimarranno attenti a questi cambiamenti e si ricollegheranno ad ogni occasione autentica offerta loro dal pubblico. Comprendendo sempre dove è “casa” per loro, la conversazione con la Gen Z crescerà naturalmente in modi reciprocamente vantaggiosi.
Leggi anche: I 10 migliori siti per trovare lavoro come freelance