Imprese

Navigare nell'oro : i big del lusso hanno 22 miliardi da spendere

Le grandi case di lusso hanno 22 miliardi di dollari da investire, un tesoretto per le maison francesi mica tanto male, stiamo parlando di Lvmh, Kering e Hermès International, cui si accoda la svizzera Richemont, parliamo di un ammontare complessivo di 17,4 miliardi di euro. Si sta delineando un altro boom di vendite in Cina e una nuova generazione di designer crea ronzio con gli acquirenti più giovani.

Proprio questa settimana LVMH ha riferito che le vendite organiche del primo trimestre hanno fatto registrare un 13% maggiore del previsto, segno che il trend sta cambiando in tutti i settori, compresi profumi e orologi. Una domanda nasce spontanea, ma che cosa faranno con tutto questo denaro?

lusso-maison-francesi
Leggi anche: Apple: valutazione da record, l’azienda più preziosa al mondo

Le maison navigano nell’oro

“Non possono parcheggiare questo denaro; devono fare qualcosa con esso”, ha detto Ashok Som, co-direttore di un programma di gestione del lusso gestito dalla francese Essec Business School e dalla SDA Bocconi School of Management in Italia. Si- ma cosa?

Hermès sta distribuendo un dividendo speciale agli azionisti per un totale di circa 528 milioni di euro, mentre Richemont spende circa 2,7 miliardi di euro per assumere il controllo del rivenditore online Yoox Net-a-Porter SpA. Tuttavia, quelle transazioni produrranno ammaccature relativamente piccole nelle pile di cassa delle società. Non si può continuare con il sistema dei buy back, ricomprando continuamente azioni proprie, e nemmeno con i dividendi, più o meno generosi e addirittura straordinari, è necessario trovare un metodo migliore per impiegare la liquidità.

E quale strada si può percorrere se non quella delle acquisizioni, per di più acquisizioni di firme prestigiose?

Le prede disponibili, rimaste in circolazione, sono sempre meno. I grandi gruppi del lusso amerebbero mettere le mani su Chanel da vicino, ad esempio, ma i proprietari non mostrano alcun interesse a vendere. Durante lo scorso anno, i grandi gruppi hanno trasmesso le possibilità di acquisire l’orologiaio Breitling, la società di scarpe Jimmy Choo Group Ltd. e Jeanne Lanvin SAS, la più antica casa di moda francese.

Le acquisizioni fuori dagli schemi non hanno funzionato bene. Kering, il proprietario di Gucci e Saint Lauren , ha cercato di sposare il lusso con lo sport acquistando da qualche anno il produttore di sneaker Puma e il marchio di skateboard Volcom. Ora si sta sbarazzando di entrambi.

Ci sono ancora molte opportunità di acquisizione tra le piccole aziende di lusso. Il numero uno globale LVMH, tuttavia, possiede già circa 70 marchi di lusso. L’aggiunta di un altro calzolaio o orologiaio non sposterebbe molto l’ago – specialmente dal momento che LVMH ottiene circa la metà dei suoi profitti dal suo marchio di star Louis Vuitton.

Leggi anche: Rifugi di lusso: i milionari del mondo scelgono la Nuova Zelanda

Ci sono un paio di potenziali bersagli in agguato che assorbirebbero molti soldi.

Burberry Group Plc, produttore britannico di trench, con un valore di mercato di circa 7,1 miliardi di sterline (10,1 miliardi di dollari) è stato oggetto di ricorrenti speculazioni di acquisizione in quanto rilancia da un nuovo designer e amministratore delegato – una speculazione alimentata in parte da una partecipazione crescente dall’amico e socio d’affari di Berrnard Arnault, il miliardario belga Albert Frere.

La stessa Tiffany, con un valore di mercato di 12 miliardi di $, potrebbe attirare le attenzioni delle europee, perché in Europa, almeno su una cosa, il lusso, siamo ancora dei leader, ed è anche per questo, che i giganti vogliono essere sempre più grandi per rafforzare la posizione. 

In Italia, che di moda e lusso, siamo gli artigiani più prestigiosi, la sfida globale ce la siamo giocata, molto male, perché il campanilismo non ci ha permesso di unirci e crescere, ma di rimanere divisi, frammentati e così diventare preda dello straniero, francese in particolare.

Le motivazioni sono molto semplici e indiscutibili, come scritto nel titolo, la “miliardi da spendere” che deve trovare un approdo per creare rendimento e il boom di attività creato dalla Cina che questa cassa continua a foraggiarla. In parole semplici, queste 4 griffe internazionali sono ormai degli elefanti, che in periodi di tassi zero, sono pronti a spendere, a indebitarsi, per trovare delle opportunità che in questo momento trovano un terreno fertile, un clima favorevole per cui bisogna osare, e soprattutto perché in un mercato sempre più concorrenziale, per sopravvivere devi diventare un gigante sempre più grande.

Leggi anche: ELSE Corp: l’imprenditore che rivoluziona il virtual retail di lusso