Lifestyle

Ofo: migliaia di biciclette gialle ridimensionate in molti paesi degli Stati Uniti

Ofo, uno dei più grandi unicorni per la condivisione di biciclette al mondo e un pioniere del settore, sta riducendo in modo significativo le operazioni globali, inclusa la riduzione dei servizi negli Stati Uniti. La mossa è l’ultima svolta in una storia di competizione globale tra le società di mobilità. I giganti della tecnologia cinese Alibaba e Tencent e i pionieri che salutano cavalcando Uber e Lyft sono tutti personaggi centrali. Ofo nasce nel 2014 a Pechino. Ofo dichiara di aver messo in circolazione 10 milioni di biciclette in tutto il mondo e di permettere ai suoi utenti di effettuare 25 milioni di corse ogni giorno. Nata dall’idea di alcuni studenti della Peking Università, guidato dal Ceo David Dai, la società è attiva, oltre che in Cina e in Italia, anche in altri 21 Paesi, tra cui Stati Uniti, in Gran Bretagna, Australia, Giappone, Spagna, Portogallo, Olanda. In totale si va oltre le 250 città.

Ofo, una start-up con base a Pechino, è stata lanciata negli Stati Uniti la scorsa estate, facendo debuttare 1.000 delle sue luminose biciclette gialle per le strade di Seattle. Nell’anno ha schierato 40.000 biciclette in 30 grandi città. Fino a giugno, Ofo ha dichiarato che spera di entrare in 100 città degli Stati Uniti entro la fine dell’anno. Ma la scorsa settimana Ofo ha annunciato che le sue operazioni negli Stati Uniti sarebbero entrate in “modalità sleep”. Mentre sta sonnecchiando, circa 70 dei 100 dipendenti statunitensi perderanno il lavoro mentre i servizi si fermano in un certo numero di città. Tre dei suoi migliori dirigenti statunitensi se ne sono già andati.

ofo-bike-sharing-stati-uniti

Leggi anche: Startup: Lime, porta centinaia di scooter elettrici nella capitale francese

Perché la compagnia si ritira

Dopo appena un anno negli Stati Uniti, la società di condivisione di biciclette abilitata per le app ha annunciato di ridimensionare la propria presenza in più di 30 città degli Stati Uniti. La compagnia ha accusato pesantemente il suo ritiro dalla legislazione locale. In una dichiarazione, la società ha affermato: “Ofo ha iniziato a rivalutare i mercati che presentano ostacoli a nuove soluzioni di trasporto verdi e dare priorità alla crescita in mercati redditizi che supportano il trasporto alternativo e ci consentono di continuare a servire i nostri clienti”.

Leggi anche: Mobilità innovativa: il Bike sharing, quanto è davvero ecosostenibile

In Cina, Ofo e il suo rivale Mobike sono stati in grado di espandersi rapidamente in un ambiente relativamente non regolamentato, gareggiando per conquistare il dominio allagando le strade con le loro biciclette. All’inizio le autorità hanno tranquillamente acconsentito, ma prima che le lunghe strade della città fossero talmente inondate di biciclette che i governi locali erano inclini a intervenire. Le immagini provenienti dalla Cina di biciclette che ingombrano marciapiedi o ammucchiate in discariche non sono state un grande materiale pubblicitario per il loro arrivo in America, e i legislatori statunitensi sono stati più cauti nell’accogliere il modello di “bikeless share” senza pionieri in Cina. Ma le sue 40.000 biciclette non andranno sprecate. 

ofo-bike-sharing-stati-uniti

Già circa 3.000 delle sue tradizionali biciclette a pedali saranno donate a organizzazioni di 10 diverse città e in altre città doneranno biciclette nelle prossime settimane. “Vogliamo assicurarci che le biciclette rimangano nella comunità e vadano alle persone che possono usarle”, ha detto il portavoce di Ofo Tom Sarris. “Non stanno andando nel mucchio di scarti.” Per quanto riguarda il motivo per cui Ofo improvvisamente ridimensionato dopo aver appena annunciato i suoi grandi obiettivi di cavalcare in sempre più mercati, non è chiaro. Forse aveva a che fare con i reclami di rifiuti di bicicletta con le biciclette senza stazione, o con l’improvvisa inondazione di biciclette nelle nuove città. L’America ha una storia di bike sharing più lunga rispetto alla Cina, e i funzionari locali sono più abituati alla pulizia offerta dagli schemi di noleggio tradizionali in cui le biciclette vengono raccolte e restituite ai punti di attracco designati.

Leggi anche: Uber continua la sua espansione e lancia il nuovo servizio Uber Rent