belluno

Qualità della vita: la classifica delle città italiane

112

Qual è la città italiana dove la qualità della vita è più alta? Stando alla classifica pubblicata dal Sole24ore, quest’anno ci sono parecchie novità in graduatoria. E altrettante conferme.

L’indagine ha utilizzato 42 indicatori, suddivisi in sei aeree generali.
Rispetto all’anno precedente, sono stati utilizzati  6 nuovi parametri: acquisti online, spesa in farmaci, gap retributivo di genere, consumo di suolo, anni di studio over 25 e indice di litigiosità dei tribunali.

qualità-città-italianeLa “vivibilità” delle città italiane è infatti una questione di pubblico interesse che cambia di anno in anno, valutata da indicatori complessivi come Ricchezza e Consumi, Lavoro e Innovazione, Ambiente e Servizi, Demografia e Società, Giustizia e Sicurezza e Cultura, Tempo libero e Partecipazione.

Ebbene al primo posto, dopo ventisette anni dall’ultimo podio, si posiziona Belluno, che rispetto al 2016 ha guadagnato 3 posizioni. La città vince sulle altre con i punteggi più lati per ogni indicatore: spicca il minor numero di rapine rispetto alla popolazione, registra pochissimi protesti pro-capite e vanta un alto tasso di occupazione.

Leggi anche: Un progetto per rilanciare il turismo termale sul territorio nazionale

qualità-città-italianeSi sta bene al Nord, sulle Alpi

Più in generale, è la montagna che vince, in particolare le Alpi.  Aosta, Sondrio, Bolzano,Trento e Trieste sono le province che vantano le posizioni più alte in classifica e la maggior parte è migliorata, guadagnando qualche posizione rispetto al 2016.

Per quanto riguarda le grandi città, si è registrato un arretramento dei grandi capoluoghi nei maggiori indicatori. Tra le novità, Ascoli Piceno si è distinta per il gap più lungo, riuscendo a scalare ben  27 posizioni rispetto allo scorso anno (dal 42o al 15esimo posto). Anche Crotone, Pescara e Treviso hanno guadagnato parecchie posizioni, mentre tra quelle che al contrario sono retrocesse in classifica c’è Savona, indietro di 34 posti, Genova, 27 posti in meno e Massa Carrara, meno 23.

Leggi anche: I borghi italiani, oggi spopolati, possono rifiorire grazie politiche incentivanti

Sud si conferma agli ultimi posti della classifica

La conferma arriva invece da quelle città che, situate agli ultimi posti della classifica, si confermano tali senza guadagnare nessuna posizione. É il caso di numerose città del Sud come Caserta, all’ultimo posto, Taranto e Reggio Calabria, rispettivamente al penultimo e terzultimo posto, Napoli Brindisi e Salerno (107, 106 e 105).

Non stupisce dunque che il divario tra nord e sud continui ad allargarsi, nonostante continui tentativi di emancipazione da parte delle province meridionali.

Segnaliamo Milano all’ottava posizione, Roma al 24esimo e Firenze al 12esimo posto.

CONDIVIDI
Roberta Montella
Leggere le piace, scrivere ancor di più. Dopo due Università, un Master e numerose redazioni, è Content Editor di Business.it, un portale che esprime tutta la sua curiosità per i nuovi media e l’innovazione tecnologica. Adora il cinema, odia la superficialità. Usa la tastiera come tappeto magico per esplorare a fondo l’intero mondo digitale.