Lifestyle

Rallentare l’invecchiamento e aumentare la creatività: ecco come si fa

Invecchiare è una fase della vita ineluttabile, e la scienza continua a sostenere che i nostri atteggiamenti e le nostre aspettative sull’invecchiamento giocano un ruolo importante nella rapidità con cui i nostri corpi raggiungono la fase del tramonto. É stato provato che coloro che mantengono uno stato d’animo giovanile hanno più probabilità di conservare un corpo forte e una mente acuta più a lungo di coloro che, al contrario, sentono con un peso i propri anni.

Ciò significa che pensare come un giovane può far realmente invecchiare più lentamente della media. Quindi, come fare?

Leggi anche: Salute e benessere: scoperte della medicina che stanno cambiando le vite

vecchi

Essere più intelligenti allunga la vita

Alcuni ricercatori francesi hanno recentemente trovato una risposta sorprendente a questa domanda: essere più intelligenti. Infatti, Più intelligente si è stati da adolescenti e da giovani, più lo studio ha trovato che è l “età soggettiva” che conta davvero e che permette di porre un freno alla vecchiaia incombente.

Quindi i giovani hanno sempre speranza, facendo leva sulle proprie doti e stimolando i loro pensieri attraverso attività, test, studio e logica. E per quelli che giovani più non sono e magari possiedono un QI non esattamente sopra la media?

Come spiega un interessante articolo pubblicato di recente sul British Psychological Post dallo scrittore David Robinson, questi risultati suggeriscono in realtà modi in cui tutti noi possiamo provare a trattenere un po ‘più a lungo la giovinezza.

Leggi anche: Pensioni donne: proposte dei partiti sulle possibilità di anticipare l’età pensionabile

I segreti da applicare

Le persone più intelligenti potrebbero semplicemente prendere decisioni sanitarie migliori, ad esempio, quindi è necessario più studio per districare la causalità. I ricercatori hanno anche “scoperto che una maggiore ‘apertura all’esperienza’ ci aiuta ad elaborare più facilmente le informazioni complesse, può aumentare la nostra curiosità per il mondo ed è quel senso di meraviglia ed eccitazione che può farci sentire più giovani “, scrive Robinson.

Quindi, le persone più intelligenti tendono, in media, ad essere più aperte a nuove esperienze. E non è un caso che avere nuove esperienze e sentirsi meravigliati al mondo siano associati a una visione giovanile. Quella della curiosità e giocosità, a loro volta, sono atteggiamenti che possono effettivamente rallentare l’invecchiamento fisico. O per dirla senza mezzi termini: pensare come un bambino aiuta davvero a sentirsi un bambino!

L’apertura a nuove esperienze è uno dei tratti fondamentali per invecchiare più lentamente. Coloro che bramano la stabilità e la routine probabilmente non diventeranno mai avventurieri o selvaggi, ma è molto probabile che se tentano di provare nuove cose, possono mantenere la mente aperta a nuove idee, indipendentemente dal punteggio del QI o dal tipo di personalità. Lo scopo? Raggiungere un benessere psicofisico ideale.

Agenda politico economica in 10 punti: dal 7 al 12 agosto