People

Ricchezza: perché i milionari pensano di essere un ceto medio

Gestire il proprio denaro ha a che fare con la psicologia e la nostra mentalità più di quel che si possa pensare. La maggioranza della classe dei ricchi in realtà crede di essere una classe media o medio-alta, non ricca. Perché i milionari si sentono di classe media? Imparare di più sui ricchi, atteggiamenti e comportamenti non è facile. Questa è una scoperta sorprendente proprio perché la maggioranza dei milionari ritiene che essi sono di classe media.

Mentre ci sono molti fattori che contribuiscono per spiegare perché così tanti milionari si sentono in questo modo, ci sono tre ragioni principali che hanno un impatto, il motivo per cui la maggior parte dei milionari si classificano come classe media. 

milionari-ceto-medio-ricchezza

Milionari fatti da sé

 

Thomas Stanley, autore di The Millionaire Next Door, ha scoperto che circa l’80% dei suoi soggetti erano milionari di prima generazione. Essi non hanno ereditato i loro soldi; hanno lavorato duramente e salvato ciò che hanno guadagnato per accumulare il mucchio di denaro. Dopo anni di risparmio, non si inizia immediatamente a spendere come un matto e automaticamente ti consideri ricco la prima volta che si attraversa quella soglia di milionario. La maggior parte dei milionari, mantengono lo stile di vita e le convinzioni con cui sono cresciuti e questo ha permesso loro di diventare ricchi. 

 

Fattore di inflazione

 

Un fattore spesso trascurato quando si parla di milionari è l’ inflazione. Quando l’inflazione aumenta, non puoi acquistare tanti beni e servizi con i tuoi soldi. Quindi un milionario oggi non è in grado di acquistare tanto quanto un milionario di cinque anni fa. Il fattore di inflazione è così grande che se avevi un milione di dollari nel 1980 , ciò equivale a circa $ 3 milioni in dollari di oggi. Un milione di dollari che equivalgono a “ricchi” sta lentamente perdendo il significato che aveva un tempo. Con l’aumento dell’inflazione, vedremo più milionari. 

L’inflazione continuerà inoltre a erodere il tuo potere d’acquisto. Quindi, se hai un milione di dollari oggi messi da parte per la pensione, l’ammontare che può acquistare diminuirà nel tempo. Questo da solo può far sì che qualcuno con un patrimonio netto nei bassi milioni si senta come se fosse di classe media o borghese. Usando il nostro esempio di cui sopra, qualcuno che si è ritirato nel 1980 può solo comprare oggi circa un terzo di quello che potevano allora.

Leggi anche: Warren Buffett: il suo primo investimento, consigli e segreti

Stare al passo con i Jones

 

Siamo una società orientata al consumo. Siamo anche molto competitivi. Questi due fattori ti danno quello che la maggior parte della gente chiama “tenere il passo con i Jones”. Questa tendenza culturale non si ferma quando il tuo valore finanziario raggiunge un milione di dollari. Milionari si stanno confrontando con quelli con più soldi e stanno continuamente cercando di fare meglio, tirare più dentro.

Se hai $ 5 milioni e stai confrontando te stesso con qualcuno con $ 100 milioni, probabilmente non ti senti super ricco. Stai ancora cercando di farcela. Questa mentalità raramente sparisce mentre continui a rivedere te stesso e confrontarti con quelli che ti precedono.

Morale

È difficile credere che qualcuno con più di $ 1 milione in banca si consideri semplicemente un ceto medio. Tuttavia, quando si considera il valore di un milione di dollari oggi e ciò che varrà domani, è più facile capire perché i milionari potrebbero non credere di essere entrati nella classe dei ricchi.

Leggi anche: Economia e finanza: ecco chi sono i più grandi colossi finanziari al mondo

milionari-ceto-medio-ricchezza

 

Perché i milionari stressati e ansiosi vogliono essere più ricchi?

 

Sono stressati, ansiosi e si sentono imprigionati. la vita da “milionario” è a doppia faccia: se da un lato offre confort e stili di vita elevati, dall’altra parte implica sacrifici e paura di perdere quello che si ha, facendo scattare la corsa ad arricchirsi ulteriormente.  A scattare la fotografia dei milionari è uno studio di Ubs, secondo il quale “i milionari sono felici e apprezzano quello che si sono guadagnati, ma si sentono incastrati e non hanno senso reale di quanta ricchezza in più avrebbero bisogno per far svanire l’impressione”.

Lo studio, riportato dalla Cnbc, il 58% dei milionari ritengono che le aspettative per il loro stile di vita sono aumentate e quindi più hanno e più vogliono avere. A chi chiede loro quello a cui aspirano in termini di fortuna per sentirsi meglio, i milionari rispondono a seconda del loro valore. Chi vale fra un milione e cinque milioni ritiene di aver bisogno almeno di 5-10 milioni. Chi vale fra i 5 e i 10 milioni aspira ai 10-15 milioni, e chi vale più di 10 milioni ne vorrebbe almeno 25. “In altre parole, i milionari aspirano ad avere il doppio di quello che hanno” afferma la Cnbc, sottolineando che lo studio rivela come dopo la crisi finanziaria i milionari ritengono di non avere abbastanza per sentirsi sicuri.

Lo studio afferma che i milionari ritengono che il loro maggiore rimpianto siano gli errori con le mogli e i membri della famiglia. Un altro timore è quello legato ai figli: i due terzi ritengono che i loro figli non capiscano il valore reale dei soldi e più della metà li ritiene privi di motivazione per agire. I tre quarti dei milionari interpellati per lo studio afferma di essere cresciuto nella “classe media” e l’86% è convinto di aver lavorato per arrivare dove è più duramente di un americano medio. La maggioranza si dice preoccupata per i pericoli che corre il sogno americano e per le diseguaglianze.

Leggi anche: Ricchezza: la valutazione dei banchieri per essere ricco