Lifestyle

Ricchezza: la valutazione dei banchieri per essere ricco

Nel mondo 8 uomini, da soli, posseggono 426 miliardi di dollari, la stessa ricchezza della metà più povera del pianeta, ossia 3,6 miliardi di persone. Ed è dal 2015 che l’1% più ricco dell’umanità possiede più del restante 99%. L’attuale sistema economico favorisce l’accumulo di risorse nelle mani di una élite super privilegiata ai danni dei più poveri (in maggioranza donne).

Le istituzioni finanziarie stanno affrontando sfide di mercato senza precedenti. Entrate e fonti di profitto si stanno spostando. Le pressioni sui costi stanno aumentando. I modelli di business stanno cambiando. I comportamenti dei clienti si stanno evolvendo. Allo stesso tempo, i regolatori stanno sottoponendo l’industria ad un controllo sempre più crescente. Alcune istituzioni mantengono o migliorano la redditività, mentre altre non riescono ad adattarsi. 

Nelle grandi città come New York e Londra, l’1 per cento lamenta che vivere con $ 500.000 all’anno non è il massimo. Con un piatto di $ 40 milioni e scuole private, un ritiro di Hamptons, un cavallo e un ente di beneficenza da sfamare, un hedge funder sul dramma della Showtime “Billions” esclama: “F —! Sono al verde! “Ma la vera risposta arriva dal mondo dei banchieri: $ 25 milioni. Venticinque milioni di dollari in ricchezza investibile, secondo i banchieri. Con questa cifra forse, solo forse, stai iniziando a diventare ricco.

Leggi anche: Warren Buffett: il suo primo investimento, consigli e segreti

Perché servono $ 25 milioni per definirsi ricchi?

In verità è il gradino più basso per iniziare ad essere ricchi. Anche se per la maggior parte del pianeta, $ 25 milioni rappresentano una ricchezza insondabile. Per i banchieri privati d’elite, rappresenta il loro servizio di base, chiamato addirittura “ ricco di classe economica”. Business class? Sono $ 100 milioni. Prima classe? $ 200 milioni. Private-jet ricco? Prova $ 1 miliardo.

Questo analizza quanto la forbice tra ricchi e poveri si stia estremizzando sempre più. Multinazionali e super ricchi continuano ad alimentare la disuguaglianza. Sappiamo tutti che il divario di ricchezza tra ricchi e poveri, ricchi e veramente ricchi, si sta solo allargando, in gran parte a causa del mercato rialzista delle scorte e delle ricchezze generate nelle imprese private in tutto il mondo.  Poi appunto c’è il caso limite: la metà più povera della popolazione mondiale possiede le stesse risorse che sono a disposizione degli 8 miliardari più ricchi del pianeta. Per la rivista Forbes gli 8 Paperoni sono in ordine Bill Gates, Amancio Ortega, Warren Buffet, Carlos Slim, Jeff Bezos, Mark Zuckerberg, Larry Ellison, Michael Bloomberg.

Sono passati quattro anni da quando il Forum Economico Mondiale ha identificato nella crescente disuguaglianza economica la maggiore minaccia alla stabilità sociale. Eppure, da allora, nonostante i leader mondiali abbiano sottoscritto tra gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, anche quello di riduzione della disuguaglianza, il divario tra i ricchi e il resto dell’umanità si è allargato. Secondo le nuove stime, la metà più povera del pianeta, lo è ancora di più rispetto al passato. 

Ciò che può essere meno evidente, almeno al di fuori degli ambienti finanziari, è ciò che vale tutto quel denaro per i banchieri che tendono con discrezione a quelle fortune. Nessun banchiere privato che valga i propri averi dichiarerà di non preoccuparsi dei clienti con “solo” pochi milioni. Northern Trust Corp, che lavora con molte delle famiglie più ricche del mondo, sottolinea che negli ultimi trimestri più del 50% dei nuovi clienti ha avuto attività investibili superiori a $ 10 milioni. Ma “per ottenere il massimo livello, le aziende hanno alzato il livello”, ha detto Brent Beardsley, che guida il lavoro di Boston Consulting Group nella gestione patrimoniale a livello globale.

Leggi anche: Miliardari, Forbes stila la classifica annuale degli uomini più ricchi del mondo

La misura di ciò che rende ricco qualcuno è cambiato drasticamente negli ultimi due decenni

Nel 1994, quando Peter Charrington, responsabile globale di Citi Private Bank, entrò a far parte dell’azienda, “Tre milioni erano considerati un patrimonio netto ultra-alto in tutto il settore”, ha ricordato. “Avanti di quasi 25 anni e 25 milioni di dollari è il modo in cui definiamo un patrimonio netto elevatissimo.” 

I gestori di patrimoni amano inquadrare il tipo di cliente target in termini di servizi necessari. Ad esempio, una coppia sposata con un patrimonio valutato ben al di sotto dei $ 22 milioni, detenuti in gran parte in un portafoglio diversificato di azioni quotate in borsa, potrebbe non aver bisogno di un gran numero di fancy trust e proprietà immobiliari, dal momento che circa $ 22 milioni possono andare agli eredi senza preoccuparsi sulle tasse sulle proprietà e sui regali. (Che $ 11,18 milioni a persona sono aumentati da $ 5,49 milioni nel 2017 e tramonti nel 2025). 

Una famiglia molto più ricca con case e attività in più paesi e valute potrebbe richiedere una maggiore gestione dei flussi di cassa, finanziamenti personalizzati per mutui, yacht o aerei e la possibilità di prendere a prestito contro arte o portafogli di investimento. Potrebbe avere senso che un cliente alloggia interessi commerciali in un trust, con il consulente come fiduciario. “Diventare ricchi è complicato”, ha dichiarato Steven Fradkin, presidente della gestione patrimoniale presso Northern Trust. “È solo una buona complicazione da avere”. Ma certo è che, per iniziare ad essere ricchi servono almeno $ 25 milioni.

Leggi anche: Uomini più ricchi del mondo: cosa facevano gli imprenditori di successo prima della fama