uomini-piu-ricchi-del-mondo

Uomini più ricchi del mondo: cosa facevano gli imprenditori di successo prima della fama

Tra gli uomini più ricchi del mondo anche moltissimi imprenditori, da Jeff Bezos sino a Mark Zuckerberg. Prima di diventare businessman di successo, però, molti di loro avevano una vita completamente differente da quella attuale e svolgevano attività molto più comuni. Molti degli imprenditori di successo, soprattutto quelli non nati da famiglie particolarmente ricche, hanno svolto lavori totalmente diverse dalle loro occupazioni attuali. Nonostante questo, però, anche la gavetta – da molti ritenuta superflua – è stata fondamentale per la loro crescita professionale. Quest’oggi, quindi, vi proponiamo la storia dietro al successo di alcuni degli imprenditori più di successo.

Richard Branson: da una piccola rivista a Virgin Galactic

Con un patrimonio stimato di oltre 5 miliardi di dollari, Richard Branson è conosciuto oggi per essere il patron di Virgin Galactic. L’azienda, nata con l’idea di rendere lo Spazio accessibile ad un maggior numero di persone, ha di recente portato a termine con successo uno dei test più importanti per il futuro del turismo spaziale. Nel passato del suo fondatore, però, non c’è nulla di tutto ciò: la carriera imprenditoriale di Richard Branson, infatti, è iniziata quando aveva appena 16 anni e fondò una rivista chiamata “Student”. Nel 1970, invece, Branson spostò i suoi interessi dall’editoria alla musica: nacque così la Virgin Records, un’agenzia discografica per corrispondenza. Il marchio “Virgin”, però, iniziò ad acquistare particolare valore negli anni ’80, dopo aver fondato la celebre compagnia aerea Virgin Atlantic.

Jeff Bezos: dalle patatine fritte all’e-commerce più celebre del mondo

Jeff Bezos non è sempre stato l’imprenditore di successo che conosciamo oggi. Non solo: di certo, prima di diventare l’uomo più ricco del pianeta (con un patrimonio stimato di oltre 132 miliardi di dollari) Bezos ha fatto molta gavetta. A differenza di Branson, di cui abbiamo parlato sopra, il fondatore di Amazon non ha capito sin da giovanissimo che la sua carriera sarebbe stata quella dell’imprenditore. Da adolescente, infatti, ha lavorato da McDonald’s come addetto all’assemblaggio panini e alla frittura di patatine. Un’esperienza inutile? Assolutamente no: a suo dire, infatti, si impara moltissimo lavorando anche come dipendente in un ambiente così dinamico.

uomini-piu-ricchi-del-mondoSteve Jobs: da sistemi telefonici “hacker” ad Apple

Steve Jobs, storico fondatore di Apple, è l’esempio lampante di come un uomo possa raggiungere il successo anche senza appartenere necessariamente ad una famiglia benestante. Il primo business di Steve Jobs, quello che lo ha portato a fondare il celebre marchio della mela morsicata, è stata la vendita di sistemi capaci di effettuare chiamate gratuite. Ideato insieme al suo storico partner Steve Wozniak, il sistema sfruttava la loro capacità di hacking.

uomini-piu-ricchi-del-mondoElon Musk: dalle caldaie a Tesla e SpaceX

Imprenditore visionario nonché fondatore di Tesla e SpaceX, Elon Musk ha un patrimonio stimato di circa 19 miliardi di dollari. Dopo aver lasciato il Sufadrica, suo Paese Natale, il fondatore di Tesla e SpaceX ha iniziato a svolgere una serie di lavori saltuari in Canada. Stando alla biografia scritta da Ashlee Vance, l’imprenditore visionario si sarebbe occupato dapprima della cura degli ortaggi e della fattoria di un cugino di Waldeck. Alla ricerca di un’occupazione meglio retribuita, Musk scovò un posto da pulitore di caldaie a 18 dollari l’ora: inutile dire che ne approfittò senza pensarci due volte.

Leggi anche: “Bill Gates: i segreti dietro ad un patrimonio record”

CONDIVIDI
Sabina Schiavon
Visionaria per vocazione, blogger in erba per passione, freelance per professione. Milanese per nascita e vercellese d’adozione, si occupa di startup, imprese, Industria 4.0 e di tutti i temi legati all’innovazione. Ama la birra belga e il whisky scozzese, gustati accanto a un gatto che fa le fusa.