Lifestyle

Robot del futuro: Avatar muove i primi passi

I robot del futuro? Saranno sempre più indipendenti, sempre più sofisticati e autonomi. E sempre più necessari. La robotica è pronta a riservarci molte sorprese nei prossimi decenni. Bastano vent’anni, dicono scienziati e futurologi, perché i robot diventino una presenza costante nella nostra vita. In ogni momento della giornata.

Gli avatar dei robot sono stati un punto di riferimento sci-fi (fantascienza) per decenni, consentendo agli esseri umani di eseguire da remoto compiti delicati e difficili, dall’assistenza ospedaliera alle attività minerarie sulla Luna. Ma, come al solito, la nostra immaginazione supera la realtà. I migliori “avatar” disponibili in commercio sono i robot di telepresenza, che sono poco più di Ipad su ruote, mentre i robot umanoidi  all’avanguardia sembrano appariscenti ma lottano per mantenere l’equilibrio. La X Prize Foundation vuole cambiarlo e oggi ha annunciato la sua ultima sfida: costruire “avatar del mondo reale” entro il 2021.

Questi dispositivi consentirebbero alle persone di vedere, ascoltare e toccare e interagire con ambienti fisici e altre persone in luoghi distanti. Potrebbe sembrare una scena del famoso film Avatar di James Cameron, ma il rapido tasso di progressi della robotica, dell’intelligenza artificiale, della tecnologia VR e dei sensori lo renderà presto una realtà commerciale praticabile.

Per accelerare la ricerca e lo sviluppo dei prodotti in questo campo, la XPrize Foundation annuncia un XPRIZE Avatar da 10 milioni di dollari il lunedì a South dalla conferenza Southwest ad Austin, in Texas. La competizione globale di quattro anni è sponsorizzata dalla giapponese All Nippon Airways, una società che traccia le tendenze future nel settore dei trasporti.

Leggi anche: Momo: il robot domestico nato dagli innovatori di Morpheos

Cosa farà un Avatar del mondo reale?

“Questo premio può consentire la creazione di una tecnologia in grado di distribuire in modo efficiente competenze pratiche in località distanti in tutto il mondo, ovunque siano necessarie”, ha affermato il Dr. Peters Diamandis, fondatore e presidente esecutivo della Fondazione XPRIZE“È un modo per colmare il divario tra distanza, tempo e culture”.

Nei primi giorni, Diamandis immagina che gli avatar avranno applicazioni limitate. Saranno utilizzati per soccorsi in caso di calamità, soprattutto in luoghi in cui le persone non possono calpestare. Ma alla fine egli prevede che gli avatar svolgano una serie di funzioni: aiutare gli anziani, consentendo visite mediche virtuali e riparazione robotica di elettrodomestici.

“Non si tratta di avatar che sostituiscono gli umani e le loro abilità, ma di aumentare la sfera di influenza degli esseri umani in tutto il pianeta”, ha detto Diamandis, sottolineando “l’industria ha un grande potere dirompente”. Ha aggiunto: “Nei prossimi 20 anni, crescerà in un mercato da miliardi di dollari man mano che sempre più consumatori li useranno e cambieranno interamente l’equazione di viaggio”.

Che impatto avrebbero sulla società?

Il team vincente dell’ANA Avatar XPRIZE unirà tecnologie all’avanguardia per dimostrare un avatar robotico che consente a un operatore inesperto di completare una serie diversificata di compiti, da semplici a complessi, in un ambiente fisico distante almeno 100 chilometri. Gli avatar devono dimostrare la capacità di eseguire attività su una varietà di scenari reali. In futuro, le applicazioni di avatar potrebbero aiutare a fornire assistenza critica e implementare una risposta immediata all’emergenza in scenari di calamità naturali, estendendo i limiti di ciò che è possibile e massimizzando l’impatto delle competenze e della condivisione della conoscenza.

L’impatto globale dell’accesso agli avatar di lavoro sarebbe enorme; rivoluzionerebbero la società moderna e consentirebbero il passaggio libero e immediato di lavoratori qualificati nel luogo in cui sono più necessari, tra cui la possibilità di fornire assistenza medica, istruzione e missioni di soccorso, indipendentemente dalla distanza, dai confini o dalle condizioni ambientali pericolose. Il potenziale di XPRIZE “ANA AVATAR” per un impatto benefico e duraturo nel mondo moderno è stato riconosciuto e sostenuto da un numero crescente di noti scienziati e influencer. 

Leggi anche: Robot umanoidi: intanto arriva SpotMini, il robot a quattro zampe

X Prize annuncia una competizione da 10 milioni di dollari

Almeno, questa è la visione dietro l’ultimo XPrize , che oggi ha annunciato una nuova competizione che assegnerà $ 10 milioni alla prima squadra che è in grado di creare un avatar robotico funzionale entro il 2021.

Il termine ultimo per la registrazione delle squadre tramite il sito Web XPRIZE è il 31 ottobre 2018. Le squadre devono presentare un piano di concorrenza completo a un gruppo indipendente di giudici esperti entro il 31 gennaio 2019. 

Due concorsi di pietra miliare si svolgeranno nell’aprile 2020 e nell’aprile del 2021 , rispettivamente, durante il quale tutte le squadre gareggeranno per un montepremi da $ 1 milione ogni anno. Il primo premio da $ 8 milioni verrà assegnato nell’ottobre del 2021. In una prima volta per XPRIZE, qualsiasi squadra che crede di aver raggiunto gli obiettivi della competizione potrebbe richiedere che le finali si tengano presto. Le finali di cinque giorni includeranno test delle prestazioni basati su compiti specifici che mostrano l’applicazione delle tecnologie avatar.

Quando è nato ANA XPRIZE?

L’avatar di ANA XPRIZE è nato nel 2016 dal programma di incubazione di sei mesi di XPRIZE, chiamato Visioneers, guidato dallo scienziato Harry Kloor Ph.D., dove il team di ANA Visioneers ha proposto per la prima volta il concetto di avatar. Questo concetto ha ricevuto il massimo riconoscimento al Summit del Visioneers Summit ed è stato qualificato come “pronto al lancio” da un gruppo di 250 mentori, tra cui importanti leader politici e aziendali, imprenditori, filantropi, artisti, tecnologi e scienziati.

Leggi anche: Come saranno i robot del futuro: riusciranno a pensare