Tecnologia

Scooter elettrici: DJ Khaled userà un Lyft per il suo prossimo tour

Gli scooter elettrici vanno di gran moda in questo momento, soprattutto nella Silicon Valley, dove negli ultimi tempi, hanno fatto il loro ingresso anche nel settore dell’intrattenimento.

Conoscete il musicista e rapper DJ Khaled? Ha recentemente condiviso un video, che lo ritrae proprio a bordo di uno scooter elettrico di Lyft, promuovendo anche la propria partecipazione al tour On The Run II di Jay-Z e Beyonce.

La notizia ancor più sorprendente è che secondo una fonte vicina all’artista, DJ Khaled avrebbe chiesto a Lyft uno dei suoi scooter elettrici per il suo prossimo tour.

Leggi anche: Beautic: gli startupper che trasformano gli appassionati di beauty in influencer

I progetti di Lyft

Qualche voce in questo ambito girava già da tempo, infatti c’è un precedente secondo il quale Lyft aveva in precedenza già sfruttato DJ Khaled come uno dei suoi portavoce, ma per adesso il leader degli scooter elettrici ha preferito non commentare, alimentando il dubbio della ipotetica collaborazione.

All’inizio di questo mese, Lyft aveva già reso noti i suoi progetti futuri non solo per quanto riguarda gli scooter, ma anche per quanto riguarda la condivisione delle biciclette elettriche.

Non si sa esattamente quando accadrà, ma è molto probabile che il porgetton sarà realizzato a breve.

Insieme ad altre 11 compagnie, Lift è in gara per ottenere un permesso capace di gestire un servizio di scooter elettrico a San Francisco. Già a partire dal 19 luglio, l’Agenzia dei trasporti municipali di San Francisco (SFMTA) aveva iniziato ad esaminare le 12 applicazioni delle aziende per azionare scooter elettrici in città. Un nuovo modo di spostarsi, vivere la città, percorrere strade altrimenti mai conosciute. Ma cosa è effettivamente successo finora?

Un po’ di storia è presto fatta: ai primi di giugno, grandi società di trasporto come Uber, Lime, Bird, Lyft e altre hanno richiesto permessi per operare servizi di condivisione di scooter elettrici a San Francisco. Il processo di autorizzazione di San Francisco non era ancora pronto, ma Bird, Lime e Spin hanno iniziato lo stesso a distribuire i loro scooter elettrici senza permesso in città a marzo. Come parte di una nuova legge sulla mobilità elettrica della città, entrata in vigore il 4 giugno, le società di scooter non sono state così più in grado di gestire i loro servizi a San Francisco senza un permesso ufficiale.

Leggi anche: Attacco a Uber da Oriente: Il rivale indiano Ola si sta espandendo

san-francisco-citta-futuro

Il piano di San Francisco

L’SFMTA (San Francisco Mucipal Transportation Agency) si aspetta di finalizzare le sue raccomandazioni e la sua documentazione “nelle prossime settimane”, ha scritto l’SFMTA in un post sul blog del sito ufficiale. Una volta raggiunto l’obiettivo, l’agenzia ha affermato che collaborerà con le aziende per finalizzare e chiarire i termini e le condizioni del permesso. L’obiettivo, secondo il post del blog, è di rilasciare i permessi il prossimo agosto, rendendo così la procedura più snella e completamente attiva.

Naturalmente ci sono molti altri mercati in cui Lyft e i suoi concorrenti possono lanciare gli scooter, ma per ora quello di San Francisco rappresenterà il primo vero banco di prova.