Start Up & Imprese

Start-up: le domande da porsi prima di avviare un business

Avviare un’impresa è eccitante e… spaventoso. Uno dei modi migliori per aumentare l’eccitazione e ridurre la paura è essere preparati. Se vuoi avviare una start-up, se da un lato è difficile pianificare tutte le possibilità e le sfide che possono verificarsi, puoi metterti sulla strada del successo considerando queste cinque domande prima di “saltare il fosso” con entrambi i piedi.

Ho fissato degli obiettivi e ho un piano per raggiungerli?

Come dice il proverbio, “Colui che non riesce a pianificare, progetta di fallire”, e questo è particolarmente vero quando si avvia un’impresa. Senza una chiara idea di dove vuoi andare e di come pensi di arrivarci, potresti ritrovarti a inciampare nelle fasi di avvio di un’impresa e fare il pieno di stress e frustrazioni indesiderate. Uno dei passaggi più importanti è la definizione di obiettivi che descrivono ciò che si desidera raggiungere a breve termine (un mese, 3 mesi, 6 mesi, ecc.), Nonché a lungo termine (2 anni, 5 anni, ecc. ). Una volta che hai creato i tuoi obiettivi, è il momento di assicurarti di avere un piano per la tua attività che ti possa guidare lungo il percorso. È anche utile capire le tue motivazioni per avviare un’impresa in primo luogo.
Leggi anche: Come realizzare un business plan

Potrò seguire il mio piano senza violare leggi o regolamenti?

Ci sono una serie di aspetti legali da considerare quando si avvia un’impresa. Ecco un elenco di alcune delle aree legali da esplorare:

  • Decidi la struttura della tua azienda (ditta individuale, società di persone, società a responsabilità limitata)
  • Registra un nome commerciale
  • Ottieni licenze e permessi necessari
  • Pianifica le tasse

Ho pienamente considerato le implicazioni finanziarie dell’avvio di un’impresa?

Il denaro è una preoccupazione importante quando si avvia un’impresa, soprattutto se stai lasciando un lavoro da dipendente con uno stipendio sicuro e se la vostra azienda ha significative spese di start-up. Alcune opzioni di finanziamento aziendale da prendere in considerazione per facilitare la transizione finanziaria, includono l’avvio della tua attività mentre stai continuando a lavorare da dipendente, svolgendo un lavoro part-time fino a quando la tua azienda non sarà stabilizzata. Diversamente, puoi avviare la tua attività quando avrai accumulato una riserva sufficiente per lo start-up o avrai ottenuto in prestito i fondi necessari.

La mia rete di supporto è attiva?

Realizziamo molto poco nella vita in modo completamente autonomo e lo stesso concetto è valido negli affari. Anche se prevedi di essere un unico proprietario, puoi trarre enormi benefici dalla creazione di un sistema di supporto esterno per mantenerti “in pista”. La tua rete di supporto può includere familiari, amici, colleghi, un mentore, un coach e chiunque altro possa aiutarti a navigare nei posti di blocco. Quando hai un sistema di supporto efficace, scoprirai di avere una “cheerleader”, un consulente, un supporto morale e persino un avvocato del diavolo, se necessario.

Ho quello che serve per essere imprenditore?

Essere un imprenditore di successo richiede un mix unico di personalità e tratti caratteriali. Sebbene non esista una formula standard che renda un tipo di persona più efficace di un’altra, alcune caratteristiche della personalità imprenditoriale che possono facilitare il processo di start-up di un’azienda includono: passione, capacità di guida, dedizione e autodisciplina. Non fa male inoltre essere un comunicatore ed essere disposti ad affrontare rischi calcolati.
Leggi anche: Fare impresa: 5 idee di business ecologici