Start Up & Imprese

Startup: Casper apre un negozio per i sonnellini newyorkesi

È stato a lungo ritenuto che gli americani abbiano una certa avversione per il sonnellino. A differenza degli spagnoli che sono stati pionieri delle sieste, i cinesi che hanno messo la testa bassa dopo il pranzo, o gli italiani che chiudono il negozio a metà giornata, la maggior parte degli americani ha appena superato la giornata lavorativa. New York City è spesso chiamata la città che non dorme mai. Ma Casper rende molto più facile agli abitanti della città (e ai visitatori) avere un po’ di lucidità in movimento.

Sin dal suo inizio nel 2013, Casper ha parlato di aiutare le persone a “dormire meglio”. Il marchio è più noto per aver dato il via alla mania del materasso in scatola e alla sua espansione in lenzuola, cuscini e coperte ha raggiunto $ 600 milioni di entrate.  Ora, Casper ha trovato un altro aspetto del sonno da vendere: dormire da solo. Proprio accanto al suo negozio di New York City, Casper ha lanciato una destinazione per i senzatetto di marca chiamata Dreamery. Per $ 25, i clienti possono prendere un pisolino di 45 minuti all’interno di piccole cuccette, arredate con materassi Casper (ovviamente) così come lenzuola Casper, cuscini, coperte, calze e una maschera per gli occhi. Il personale fornirà la biancheria fresca per ogni sonnellino, e in prestito anche pigiami di Sleepy Jones , un set di spazzolini da denti di Hello Casper ha sconvolto la tradizionale attività di vendita al dettaglio di materassi. Questa volta, sta portando l’esperienza di dormire a un livello completamente nuovo.

casper-startup-newyork

Leggi anche: New York mette al bando le bici elettriche: multe fino a 500 dollari

Cosa fa Casper

Casper ha aperto il suo primo show-room per i pisolini, a differenza di un negozio da letto, a New York City chiamato The Dreamery. È un posto dove le persone possono effettivamente dormire, piuttosto che comprare un nuovo materasso. Il concetto è semplice e brillante. Le persone possono programmare una pausa per riposarsi al The Dreamery per godersi 45 minuti di riposo in uno dei suoi nove contenitori per dormire dotati di Casper completamente rivestiti in letti Casper, lenzuola e cuscini con una maschera per dormire inclusa. Dopo il pisolino, gli ospiti possono gustare una tazza di caffè nel salone. Sono inoltre disponibili accappatoi, tappi per le orecchie e salviette per il trucco per far sentire gli ospiti a proprio agio.

casper-startup-newyork

Leggi anche: Idee di business originali, a New York spopola il sushi gelato

Il blocco temporale di 45 minuti di Dreamery si basa sulla scienza che ritiene che sia il momento ottimale in cui la gente ha bisogno di rinfrescarsi e ricaricarsi durante il giorno, senza sentirsi poi intontito. Al di fuori dei pisolini, il design e l’arredamento di The Dreamery è millenario come ci si aspetterebbe: un ingresso buio è costellato di minuscole luci, pensate per sembrare stelle. Il pigiama coperto da costellazioni è appeso dietro il banco bianco monocromatico per il check-in. Un “menu” elenca una sessione di pisolino a $ 25, mentre caffè, testata letto e “pura gioia” sono gratuiti. Jeff Brooks, CMO di  Casper, ha dichiarato che il loro obiettivo era quello di creare un luogo che fosse rilassante e riposante, ma anche “invocato lo spirito del marchio”.

“Abbiamo visto questa come un’opportunità per difendere il sonno o più in generale, riposare, fuori dalla camera da letto, nel mondo reale, quando sei in movimento”, ha detto Brooks ad Adweek. “Volevamo estendere in qualcosa in cui potessimo concentrarci sui sonnellini come un’esperienza. Un’oasi magica nel mezzo di New York dove puoi colpire una pausa e ricaricarti quando vuoi”. Ed è un concetto che Brooks spera decollare, non solo con il proprio spazio, ma come una tendenza globale.“La cosa più importante che speriamo di vedere con The Dreamery è che sempre più persone in tutto il mondo iniziano ad abbracciare l’idea che sia sano quando sei stanco, a mettere la testa bassa. Se possiamo essere una di quelle destinazioni, è una grande cosa. “

Leggi anche: La startup Transit Wireless porta la metro di New York nel futuro