altergo-mit

Tecnologia: AlterEgo, comunicare senza parlare

Gli assistenti virtuali come Assistente Google e Siri sono molto facili da usare come la loro capacità di comprendere i comandi vocali forniti dall’utente. Può essere diretto a rimuovere luci, impostare allarmi e fare acquisti di merce utilizzando solo il controllo vocale. Nel futuro l’uso del controllo vocale dovrebbe aumentare e sostituire il requisito di battitura. Questo può portare a problemi di rumore quando tutti danno il controllo vocale simultaneamente. Pertanto AlterEgo è stato sviluppato dai ricercatori del MIT .

Alcuni ricercatori del MIT Media Lab hanno inventato il gadget perfetto. Si chiama AlterEgo e consiste in una cuffia da indossare, che avvolge l’orecchio e la mascella di chi la indossa e un sistema informatico che elabora i dati raccolti dall’auricolare per elaborare e tradurre i dati ricevuti e generare una risposta. I ricercatori hanno presentato il loro lavoro alla Conferenza internazionale sulle interfacce utente intelligenti a marzo a Tokyo.

Il dispositivo è un’ingombrante curva di plastica bianca come la mandibola di un animale strano, che si appende all’orecchio di chi lo indossa e gli archi oltre toccano il mento.

Leggi anche: Lavoro del futuro, l’ufficio cambia con la rivoluzione digitale

Ma cos’è esattamente AlterEgo?

AlterEgo consente alle persone di parlare ai computer senza parlare e ascoltarli senza usare le orecchie. Ogni volta che pensi alle parole, sono silenziosamente, impercettibilmente, trasmesse alla tua bocca. Più precisamente, i segnali arrivano ai muscoli che controllano la bocca. E quei segnali non sono impercettibili a un computer altamente sensibile. Ha sette elettrodi posizionati intorno alla bocca per raccogliere questi segnali e che scansionano la mandibola e la faccia dai segnali neuromuscolari prodotti quando chi li indossa pensa a verbalizzare le parole senza effettivamente parlarle ad alta voce, una pratica chiamata subvocalizzazione.

I dati raccolti dagli elettrodi attraversano diversi cicli di elaborazione prima di essere trasmessi in modalità wireless a un dispositivo, in attesa di istruzioni nelle vicinanze. E ha le cuffie a conduzione ossea in modo che i dispositivi possano rispondere. Quando si intende agire, il cervello invia segnali elettrici ai muscoli per dirci cosa fare. Con una protesi, l’elettromiografia viene utilizzata per registrare quei segnali elettrici e inviarli a un processore per essere tradotti in segnali, che indicano a una protesi robotica quali azioni l’utente intendeva eseguire.

Quando pensiamo a una parola, il nostro cervello invia i segnali nei muscoli del viso e della gola per modellare quella parola per parlare. Questa è chiamata subvocalisation e molte persone lo fanno mentre leggono. L’auricolare AlterEgo è costituito da sensori di elettrodi posizionati sulle regioni del volto e della mascella di chi li indossa in cui tali segnali sono più forti e affidabili, come determinato dal team di Kapur.

Gli scienziati hanno testato il loro prototipo su poche persone che hanno addestrato il software a riconoscere i dati corrispondenti a diversi comandi (“chiamata”, “risposta”, “aggiungi”), quindi altri ancora per vedere quanto fosse accurato. I risultati sono stati promettenti, anche se non è esattamente pronto per entrare nella produzione di massa. Questo non è il primo tentativo degli scienziati di creare un modo più diretto per trasmettere i nostri pensieri ai computer. La maggior parte delle versioni precedenti si basava direttamente sui segnali cerebrali.

Leggi anche: Intelligenza artificiale: gli innovatori italiani che sviluppano sistemi di AI

Quali sono i vantaggi di AlterEgo?

Non è invasivo. È sicuro al 92 percento, è portatile e, a differenza delle letture del cervello diretto, non può leggere i tuoi pensieri privati. Ma Arnav Kapur, leader del progetto, vede un’applicazione più fondamentale. “La motivazione per questo era di costruire un dispositivo IA – un dispositivo di potenziamento dell’intelligence”, afferma Kapur. “La nostra idea era: potremmo avere una piattaforma di calcolo che è più interna, che fonde l’uomo e la macchina in qualche modo e che sembra un’estensione interna della nostra stessa cognizione?”

Il team ha scoperto che sono necessari solo quattro elettrodi, quindi credono che sia possibile creare un dispositivo meno ingombrante. Per il prototipo AlterEgo, il team di ricerca ha creato compiti con vocabolari limitati di circa 20 parole ciascuno. Uno era un compito aritmetico, in cui l’utente avrebbe sub-localizzato grandi problemi di addizione o moltiplicazione. Un altro stava giocando a scacchi, in cui l’utente avrebbe impartito comandi subvocali usando il sistema standard di numerazione degli scacchi.

“Siamo nel mezzo della raccolta dei dati e i risultati sembrano buoni”, afferma Kapur. “Penso che raggiungeremo una conversazione completa un giorno.” Ciò sarebbe utile in ambienti rumorosi o in ambienti in cui è richiesto il silenzio, ma potrebbe anche consentire ai non udenti di comunicare, supponendo che abbiano ancora utilizzato i muscoli nella mascella e nella faccia.

Il team ha presentato il proprio documento agli Atti della Conferenza del 2018 sull’interfaccia utente intelligente che si è tenuta in Giappone dal 7 all’11 marzo. Questa tecnologia è ancora agli inizi. Il MIT spera che con questa tecnologia sviluppata l’uso di esso non sia limitato all’ufficio, consentirà anche l’integrazione dell’uomo e dell’intelligenza artificiale in futuro.

Leggi anche: Amazon: soluzione per le paurose risate di Alexa

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.