Tecnologia

Tecnologia: gli organi impiantabili stampati in 3D potrebbero arrivare

Prellis Biologics è stata fondata solo 10 mesi fa a San Francisco con l’ambizioso obiettivo di produrre tessuti umani e organi per il trapianto utilizzando tecniche di 3D-printing. La bioprinting dei tessuti e degli organi umani vascolarizzati rivoluzionerà l’assistenza sanitaria. La tecnologia di Prellis Biologics sfrutta massimi vantaggi in termini di velocità di stampa e risoluzione per rompere la barriera microvascolare. L’azienda californiana si è già aggiudicata finanziamenti per $1.8m attraverso una raccolta guidata dal venture capital True Ventures, ha per il momento solo 4 dipendenti ma nonostante questo è tra le più seguite dai finanziatori del settore.

La tecnologia sviluppata dai fondatori Melanie Matheu e Noelle Mullin , ha puntato il suo futuro (e un piccolo investimento da 3 milioni di dollari) su una nuova tecnologia per la produzione di capillari, i vasi sanguigni a una sola cellula che sono le vie che l’ossigeno e nutrienti si muovono attraverso per nutrire i tessuti nel corpo. Senza le strutture capillari funzionanti, è impossibile creare organi, secondo Matheu. Sono il pezzo più importante del puzzle nella ricerca di stampare cuori, fegati, reni e polmoni vitali, ha detto. Il settore del 3D Printing di organi vede già altre aziende attive come Organovo Holdings ed EnvisionTEC, ma a differenza della concorrenza Prellis riesce a ottenere tessuti vivi. Infatti le cellule staminali utilizzate per lo stampaggio sono mantenute in vita grazie alla creazione di un micro-ambiente attorno ad esse ricco di principi nutritivi e ossigeno. La tecnologia sviluppata può arrivare a permettere la creazione di parti di pancreas con la funzionalità di produrre insulina e far recedere il diabete in pazienti malati.

organi-stampa3d-prellis-biologics

Leggi anche: Stampa 3D: Multiply Labs, il successo degli startupper leader del settore nutraceutico

Prellis Biologics, la startup che stampa organi umani

Gli elenchi di attesa per i trapianti di organi umani potrebbero essere completamente eliminati attraverso le tecnologie in attesa di brevetto sviluppate da Prellis Biologics, un’azienda di ingegneria tissutale umana con sede a San Francisco che ha inventato un nuovo modo di creare organi umani vitali utilizzando la stampa 3D quasi istantanea.

Gli obiettivi dell’azienda americana Prellis Biologics, fondata nel 2016 da due giovani scienziati, sono quelli di eliminare le liste di attesa per i trapianti e accelerare lo sviluppo di farmaci, per mettere la tecnologia al servizio della medicina. Stampare organi umani in 3D per salvare la vita di chi sta aspettando un trapianto. Un progetto fantascientifico, ma non impossibile.

Prellis è in grado di produrre quei capillari di dimensioni e velocità tali da fornire al mercato organi stampati in 3D entro i prossimi cinque anni. L’azienda sta risolvendo il più grande ostacolo alla produzione di tessuto umano funzionale in laboratorio, ovvero la capacità di stampare microvascolature. Senza il complesso sistema microvascolare necessario per fornire sostanze nutritive e ossigeno alle cellule, un organo non può sopravvivere.

organi-stampa3d-prellis-biologics

Leggi anche: Stampa 3d: una rivoluzione nel campo della sanità

La visione dei due scienziati

“La nostra visione è quella di creare un’azienda che utilizzi la tecnologia per stampare qualsiasi tipo di organo umano, fornendo alle persone una soluzione duratura a un determinato problema medico”, ha affermato Melanie Matheu, co-fondatrice e chief executive officer di Prellis. “Riteniamo che la nostra tecnologia darà il via all’utilizzo pratico del tessuto stampato in laboratorio per lo sviluppo di farmaci salva-vita, il rapido sviluppo di anticorpi umani e la produzione di organi umani per il trapianto”.  

“Oltre 230 persone muoiono ogni giorno negli Stati Uniti da malattie epatiche e renali”, ha detto la dottoressa Noelle Mullin, co-fondatrice e responsabile scientifica di Prellis. “Accoppiando l’esperienza delle cellule staminali e dell’immunologia con la nostra tecnologia di stampa 3D, saremo in grado di produrre organi e tessuti con la precisa infrastruttura vascolare necessaria per renderli fattibili”. Il primo tessuto umano che Prellis Biologics stamperà per lo sviluppo clinico sono le isole di Langerhans, l’unità funzionale del pancreas che produce insulina. “I diabetici di tipo 1 perdono isolotti di langerhan che producono insulina in giovane età, se possiamo sostituirli, possiamo offrire ai pazienti diabetici una vita priva di scatti di insulina e monitoraggio del glucosio al giorno”, ha affermato il dott. Matheu.

“La produzione di tessuti umani fattibile in laboratorio può rivoluzionare l’assistenza sanitaria e il team di Prellis è in prima linea in questo movimento”, ha affermato Rohit Sharma, venture partner di True Ventures e membro del consiglio di Prellis. “Investire in Melanie e Noelle è un investimento nel futuro della medicina rigenerativa, siamo orgogliosi di aiutarli a iniziare la loro ricerca”.

Leggi anche: Stampa 3D: scienziati creano le prime cornee umane