Tecnologia

Tesla sotto accusa: maltrattamenti e discriminazioni nella sede di Fremont

Un giudice federale ha negato la mozione di Tesla per respingere le accuse in una causa che sosteneva il maltrattamento dei propri lavoratori stranieri. Ciò significa che la casa automobilistica dovrà difendersi da un processo contro le accuse secondo le quali i lavoratori stranieri, nella sede di Fremont hanno lavorato con turni inadeguati, che violavano le leggi sul lavoro, e sono stati minacciati di deportazione se avessero denunciato i maltrattamenti.

La sentenza del giudice federale arriva pochi giorni dopo che Elon Musk ha accettato di dimettersi dal ruolo di presidente di Tesla (rimanendo però CEO) per stabilirsi nella Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. La SEC ha presentato così una denuncia al tribunale distrettuale federale appena la scorsa settimana, accusando Musk di frodi relative ai suoi tweet durante il mese di agosto, a proposito del fatto che intendeva acquisire Tesla privatamente per $ 420 ad azione.

Leggi anche: Elon Musk: deve dimettersi da presidente Tesla e pagare una multa di $20 milioni

tesla-elon-musk-guida-autonoma

Il caso dei subappaltatori Eisenmann Corp e ISM Vuzem

In una sentenza pronunciata invece lunedì, il Giudice Lucy Koh del tribunale distrettuale settentrionale della California a San Jose, ha respinto cinque su sette rivendicazioni nella causa in corso, Lesnik v. Eisenmann SE, respingendo le mozioni di licenziamento dai subappaltatori di Tesla Eisenmann Corp e ISM Vuzem.

Anche altri produttori di veicoli molto noti come Mercedes-Benz, Deere, REHAU, LaX, Volkswagen, Dicastal e BMW sono stati nominati come imputati, ma poi liquidati perché non inclusi nelle due dichiarazioni che andranno successivamente a giudizio.

La causa legale collettiva è stata presentata nel 2016 da Gregor Lesnik, dalla Slovenia, e Stjepan Papes, dalla Croazia, per conto di lavoratori stranieri coperti da visti B-1. Sia Lesnik che Papes sono stati assunti dall’ISM Vuzem e inviati negli Stati Uniti per lavorare nella struttura di Tesla proprio nella sede di Fremont. L’accusa sostiene che i lavoratori stranieri sono stati pagati molto meno rispetto al salario minimo e hanno lavorato per molte ore di seguito, senza le pause previste dal contratto.

Lesnik sostiene di aver lavorato normalmente 12 ore al giorno e mai meno di 10 ore, oltre 80 ore a settimana, arrivando fino a 240 ore al mese, mentre ha ricevuto solo un giorno di riposo ogni due settimane: tutto ciò è totalmente in violazione delle leggi sul lavoro.

Sempre secondo le dichiarazioni, quando Lesnik era troppo malato per lavorare o quando ha riportato un infortunio sul lavoro, la stessa Vuzem ha minacciato di trattenere i benefici retributivi o di visto e di immigrazione del lavoratore. Koh ha respinto le argomentazioni: Tesla ed Eisenmann non sarebbero responsabili per gli abusi di ISM Vuzem perché non ne hanno beneficiato finanziariamente.

Non è la prima volta che lo stabilimento di produzione automobilistica di Tesla a Fremont viene indagato: è stato esaminato l’anno scorso dopo le denunce del dipendente Jose Moran, che sono state smentite dal CEO Elon Musk in una email dello staff.

Poi, all’inizio di quest’anno, la divisione della sicurezza e della salute sul lavoro in California ha dichiarato che avrebbe esaminato le condizioni in fabbrica dopo che Reveal aveva riferito che Tesla non era in regola a proposito di infortuni sul lavoro, come invece richiesto dalla legge statale e federale.

Leggi anche: Tesla: L’Arabia Saudita è interessata a finanziare Tesla come privata

tesla-ricarica-auto-ufficio

La versione di Tesla riferita dal portavoce

Mentre sono state criticate pratiche in materia di lavoro e sicurezza, altri lavoratori hanno intentato numerose azioni legali contro la discriminazione razziale e le molestie, sempre nello stabilimento di Fremont.

Il portavoce di Tesla rintracciato dalla rivista TechCrunch ha così rilasciato una breve dichiarazione:

In Tesla, operiamo sui principi di equità, giustizia e gentilezza. Se le persone lavorano per l’azienda, ci aspettiamo che agiscano in modo etico e seguano questi stessi principi. Gregor Lesnik è stato portato nello stabilimento Tesla da una società chiamata ISM Vuzem, un subappaltatore portato da Eisenmann, la ditta che abbiamo assunto per costruire il nostro nuovo negozio di vernici. Abbiamo un contratto con Eisenmann non perché pensavamo che fossero meno costosi della concorrenza, perché di fatto non lo erano, ma perché erano considerati tra i migliori, se non i migliori al mondo nella costruzione di negozi di vernici. Per quanto riguarda la legge, Tesla ha eseguito tutto correttamente. Abbiamo assunto un appaltatore per realizzare un progetto “chiavi in ​​mano” proprio nella nostra fabbrica e, come sempre facciamo in queste situazioni, siamo stati obbligati contrattualmente a rispettare tutte le leggi nel portare le risorse che ritenevano necessarie per svolgere il lavoro. Mentre non ne eravamo a conoscenza al momento in cui il fatto si è compiuto, abbiamo saputo dopo che un subappaltatore che hanno usato, ISM Vuzem, non era all’altezza delle nostre aspettative. Se avessimo saputo che non stavano facendo la cosa giusta, li avremmo rimossi immediatamente dalla nostra fabbrica. Questo subappaltatore non funziona più su progetti Tesla. Inoltre, abbiamo ulteriormente migliorato i nostri contratti e le nostre politiche in materia di fornitori per meglio fermare i comportamenti dannosi. Gli appaltatori devono ovviamente attenersi alla legge, ma ciò non risulta sufficiente. Devono anche agire moralmente e fare ciò che è giusto. Se ci fosse stato qualcos’altro che avremmo potuto fare diversamente o meglio in questa situazione, l’avremmo fatto.