Esteri

Venezuela: il futuro distopico degli attacchi con i droni è in arrivo

Dopo un’esplosione di sabato mentre il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha tenuto un discorso, ha accusato l’opposizione di aver tentato di assassinarlo. C’è ancora tanta confusione su ciò che è accaduto. Qualunque cosa sia successa ci chiediamo se siamo davvero arrivati ad un futuro dispotico degli attacchi con i droni? Il presidente venezuelano Nicolas Maduro stava dando un discorso a centinaia di soldati durante una celebrazione del 81 ° anniversario della Guardia nazionale Sabato, quando improvvisamente si udì un’esplosione. Maduro fu trascinato fuori scena, e non fu ferito. “Hanno cercato di uccidermi oggi, e non ho dubbi sul fatto che tutto punti alla destra, l’ultra-destra venezuelana”, ha detto Maduro in televisione dopo l’incidente. “Massima punizione! E non ci sarà alcun perdono.” Entrambi i droni sono esplosi, e mentre Maduro è fuggito illeso, l’attacco ha ferito sette soldati, secondo le autorità venezuelane. Questo è il primo tentativo noto di assassinio di droni su un presidente.

nicolas-maduro-attacco-droni

Leggi anche: Droni: le industrie sfruttano i droni per aumentare l’efficenza e ridurre i costi

Cosa è successo realmente?

C’è tanta confusione su cosa sia realmente accaduto tra analisti, testimoni e funzionari, che sembrano non essere d’accordo. Il ministro dell’Interno, Nestor Luis Reverol, ha comunicato che sei “terroristi” sono stati arrestati e altri verranno fermati, confermando che l’atto sarebbe stato un tentativo di decapitare i vertici governativi nazionali, in collaborazione con “gruppi di Miami”. Dunque, Caracas accusa più o meno esplicitamente l’America di avere cercato di assassinare il suo presidente, avvalendosi del sostegno degli esuli venezuelani. Più tardi Maduro ha affermato durante un discorso nazionale che la Colombia e gli Stati Uniti erano responsabili dell’attacco.

nicolas-maduro-attacco-droni

Leggi anche: Criptovalute news: Petro coin Venezuela

Rocio San Miguel, un esperto militare che guida un sito web investigativo chiamato Control Ciudadano, ha dichiarato al Washington Post che si trattava di “un errore di sicurezza”. “Un drone militare è stato distrutto dai militari perché hanno perso il controllo su di esso”, ha detto. “Ha iniziato a scendere e per evitare di colpire la scena presidenziale, l’hanno distrutta”. Il ministro delle comunicazioni, Jorge Rodriguez, ha detto che due droni carichi di esplosivo sono esplosi vicino allo stand del presidente. In un discorso nazionale più tardi, Maduro ha detto: “Un oggetto volante è esploso vicino a me, una grande esplosione. Qualche secondo dopo ci fu una seconda esplosione. “

Gli arrestati sono accusati di “terrorismo e assassinio”, ha dichiarato domenica il ministro dell’Interno Néstor Reverol. Gli aggressori hanno usato due droni DJI M600 che trasportavano ciascuno 1 chilogrammo di esplosivo C-4, ha detto Reverol. DJI, la compagnia cinese che produce il drone, ha dichiarato che i suoi prodotti sono “puramente per scopi pacifici” ed è pronto ad assistere gli investigatori. Uno dei droni ha sorvolato la scena presidenziale con l’intenzione di essere fatto detonare dagli aggressori, ma ha detto che le autorità sono state in grado di fargli perdere il controllo e di farli esplodere fuori dalla zona degli attaccanti presi di mira. Reverol ha detto che il secondo drone ha perso il controllo ed è caduto in un condominio, dove è esploso al primo piano. Tuttavia non c’è stata alcuna verifica indipendente che i droni che trasportano esplosivi fossero la causa dell’esplosione. E un rapporto di AP cita i vigili del fuoco sulla scena dell’esplosione che contesta la versione del governo degli eventi.

Leggi anche: Economia Venezuela: Trump contro Petro coin