Lifestyle

Amazon novità: venderà anche farmaci da banco

Continua la corsa di Amazon verso nuove collaborazioni, nuovi prodotti, nuove partnership. L’ultima novità riguarda la commercializzazione dei farmaci da banco. Amazon ha infatti iniziato la vendita di farmaci generici, che soprattutto negli Stati Uniti, sono largamente diffusi e utilizzati. Non solo. L’azienda Perrigo confezionerà esclusivamente per il colosso di Amazon una linea esclusiva di prodotti OTC denominata Basic Care. Cosa comprende? Di tutto: dai richiestissimi antidolorifici, ai trattamenti per i capelli, passando per antistaminici e antiacidi.

La battaglia per il controllo del settore può dunque cominciare. I farmaci senza prescrizione medica interessano una grossa fetta di mercato, e Amazon darà filo da torcere alla concorrenza in quanto Perrigo garantirà la commercializzazione con prezzi più bassi della concorrenza. Per questo la case farmaceutiche e i rivenditori al dettaglio dovranno al più presto correre ai ripari.

Leggi anche: Amazon Prime: 10 servizi gratuiti inclusi nell’abbonamento

amazon-lending-fintechUn’alternativa meno costosa per i consumatori

Amazon si è potuta inserire in questo settore grazie all’approvazione regolatoria avvenuta in più di 10 stati americani proprio per presentarsi in veste di distributore di farmaci all’ingrosso.

Alcuni analisti del settore, tra cui quelli che appartengono alla Leering Partners, banca s’investimento, hanno ipotizzato come Amazon possiede tutte le carte in regola per posizionarsi bene nell’ambito della distribuzione farmaceutica.

Se dunque per i consumatori si prospetta una nuova alternativa, e conseguentemente un vantaggio sia per qualità che per costi, il problema sarà tutti per la case farmaceutiche che, fino a questo momento, avevano l’esclusività del settore distributivo.

Ma c’era da aspettarselo. Amazon continua a crescere con un fatturato da capogiro, tanto che le azioni hanno raggiunto quota 1500 dollari.

Il numero 1 Jeff Bezos può dunque dirsi enormemente soddisfatto. Da un po’ di tempo a questa parte, l’Ad di Amazon ha rivolto le sue attenzioni verso il settore della sanità, preannunciando la fondazione di una nuova società insieme a Warren Buffett e JP Morgan. Lo scopo? Garantire cure meno costose per i suoi dipendenti, ma a quanto pare l’interesse si è esteso a tutti gli americani. Perché? Bezos si è accorto i cittadini statunitensi spendono molti soldi per la propria salute, infatti la spesa sanitaria è aumentata del 4,3% nel 2016 arrivando a 3,3 trilioni di dollari complessivi.

Leggi anche: Amazon Prime: sconti grazie all’accordo con Whole Foods

La spesa sanitaria

Avendo già messo piede nell’industria alimentare con l’acquisizione della catena di supermercati biologici Whole Foods, questa è la volta della spesa sanitaria.

Ricordiamo che per Amazon non si tratta di una situazione nuova. La multinazionale dell’ecommerce vende già farmaci dell’industria farmaceutica OTC. Ad esempio Advicil o Nicorette, famosi, anche da noi. Ma non è la stessa cosa che ricevere un marchio completamente esclusivo e poter battere la concorrenza sui prezzi, così come prevede di fare con la linea che Perrigo fornirà.

Così le maggiori catene di rivendita farmaceutica americana (CVS, Walgreens Boots Alliance e Rite Aid) si preparano e già pianificano acquisizioni e fusioni tra loro.

Un tentativo di protezione nei confronti di Amazon? Può darsi. Nel frattempo Bezos affila le lame e si prepara all’ennesima sfida: abbattere i costi della spesa medicale. 

Leggi anche: Amazon Go: il primo store al mondo senza cassieri