amazon-abbigliamento

Amazon: la nuova strategia di Bezos sarà l’abbigliamento

Amazon ha grandi ambizioni nell’abbigliamento. Potrebbe non passare molto tempo prima di vedere Bezos alla Fashion Week di New York accanto ad Anna Wintour. Il futuro dell’abbigliamento negli Stati Uniti, e forse non solo, appartiene ad Amazon. La società di Jeff Bezoz prevede la conquista del 19% del mercato entro il 2020, a danno soprattutto dei tradizionali department store americani. Gli utili realizzati nel 2015 da Amazon nel comparto abbigliamento sfiorerebbero i 18 miliardi di dollari, un numero che varrebbe al colosso dell’e-commerce il 6,7% del mercato statunitense.

Amazon non si ferma più: il portale di e-commerce più utilizzato al mondo e che vanta un sistema di distribuzione praticamente perfetto ha deciso di entrare all’interno del mondo della moda. Amazon intende ricoprire ogni ambito di mercato. Fa parte della strategia globale di Amazon diventare un player universale, un sommo collettore che aggrega e screma l’offerta, ha tutto e può offrire tutto, dal cavolfiore alla scarpa con il tacco.

amazon-abbigliamentoLeggi anche: Amazon Prime: sconti grazie all’accordo con Whole Foods

Amazon vuole dominare la moda

Mentre la vendita al dettaglio tradizionale continua a recedere, i marchi di moda diretti al commercio continuano ad emergere. Amazon ha iniziato a vestire fino al 2002 e ha acquisito il rivenditore di scarpe online Zappos per $ 1,2 miliardi nel 2009, segnando il più grande acquisto della sua storia al momento. Ma la ricerca della società di dominare la moda ha affrontato diversi ostacoli storici, tra cui il principale che la gente non si è fidata di acquistare l’abbigliamento online per il desiderio di provare gli articoli prima e che Amazon non era percepito come un marchio “cool”. Ma adesso qualcosa è cambiato.  Lo shopping online per l’abbigliamento è decollato, Amazon, nel frattempo, ha affinato la sua strategia di abbigliamento, fornendo rendimenti gratuiti, fotografia migliore e una maggiore selezione. 

Amazon si allarga nella moda dei vestiti. L’anno scorso la società ha lanciato marchi di abbigliamento private label, come Lark & Ro, e Amazon Essentials, che vende magliette da uomo, che potrebbero diventare un nuovo flusso di profitti. L’azienda di Jeff Bezos ha messo annunci sulle pagine di Vogue e ha stretto partnership per le collezioni con Calvin Klein. Ha investito per semplificare la ricerca di abiti sul sito e creato il servizio “guardaroba” che permette di provare i vestiti prima di acquistarli.

Anche Nike ha iniziato a vendere scarpe sul suo sito. Tutti passi che mostrano un’interesse di Amazon per il settore. Secondo gli analisti i marchi di lusso più prestigiosi resteranno diffidenti ma quelli di medio livello stanno già spostando le vendite su Amazon. Goldman Sachs si aspetta che l’azienda stabilisca “ulteriori relazioni dirette con i principali marchi”.

Più di venti case di abbigliamento hanno indicato Amazon come uno dei principali clienti lo scorso anno: tra questi Hanes, Fossil e Perry Ellis, secondo Nomura. Sempre Nomura stima che l’abbigliamento potrebbe essere per Amazon un business da 45 miliardi a 85 miliardi di dollari entro il 2020. Nel 2018 la società è destinata a superare Macy’s come più grande venditore di abbigliamento per gli statunitensi.

Finora la maggior parte delle vendite di abbigliamento di Amazon non sono state di abiti firmati ma di prodotti di base, come calze e magliette. Elaine Kwon, ex dirigente del settore moda di Amazon, pensa però che il trend stia cambiando: “I brand si stanno rendendo conto che le persone acquistano da Amazon e se io, come marchio, mi rifiuto di partecipare, qualcun altro può prendere il mio prodotto e fare quei soldi”, ha spiegato.

Leggi anche: Jeff Bezos, patrimonio e storia: 10 cose da sapere sul patron di Amazon

amazon-abbigliamentoL’innovazione di Amazon

L’anno scorso, Amazon ha introdotto una serie di innovazioni progettate per rendere l’esperienza di shopping online il più semplice possibile. Ha lanciato Prime Guardaroba, un servizio in stile Stitch Fix, che ti consente di provare tre o più oggetti a casa prima di rispedire gli oggetti che non vuoi gratuitamente in una scatola richiudibile con un’etichetta prepagata.

Amazon è diventato sempre più dominante in numerose arene sempre più importanti: servizi cloud, assistenti vocali, negozi self-serving di mattoni e malta con Amazon Go e, naturalmente, il suo ruolo ormai tradizionale di negozio online. L’azienda è pronta ad aggiungere abbigliamento a questa lista in crescita poiché cambia il modo in cui la gente acquista i vestiti e attira sempre più clienti.

Leggi anche: Amazon Prime: i clienti sono oltre 100 milioni

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.